PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Emozione eterna

Mi avvicino
ti guardo, non parlo
il tuo corpo profuma di rosa
i tuoi capelli
soffici come cotone,
il tuo viso in una smorfia d'amore.

Il lenzuolo copre
parte dei glutei tuoi
come a celare un'opera d'arte
come a volerla preservare,
perchè nessuno la possa toccare.

Ti osservo secondi, minuti, ore
fino al lento sorger del sole
che sembra volerti sbirciare
tra le feritoie,
che separan il suo cielo
da ciò che impreziosisce quel candido telo;
una stella dal cielo è lontana
la sua assenza per nulla è invana
protagonista è del mio sogno terreno.

Mi sveglio
i piedi toccan il tiepido parquet
sono vicino a te,
una timida fioca luce
trafigge il nostro letto
iIllumina il corpo perfetto,
la splendida schiena,
da luce ad una tela
che è a racchiuder arte vera.


Il mio cuore
da suono ad un silenzio prezioso,
il suo battito
scatenato ma parsimonioso
fa da sfondo ad un desiderio profondo.

La mia mano accarezza con dolcezza
la tua pelle e la sua lucente purezza,
sulle mie dita
come tiepida sabbia di un'alba
al cospetto di un mare di pace.

Ciocche di capelli tra le mie dita,
per scoprire la candida fronte
le mie labbra si posan su essa
e con la mano una carezza

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0