accedi   |   crea nuovo account

La via dell'Altro

A volte basta un attimo
per entrare nell'universo

di due occhi

ed è
un capitombolo
in un cielo stellato

dove ad ogni rimbalzo
tra stella e stella
confondi sempre di più il tuo essere con il suo

fino
a farti male

nella voragine precipizio di un evanescente castello

per poterne uscire
dovrai sgranare con mani bruciate un rosario di tempi impossibili

non so neanche io come chiamarlo quell'attimo

se Vita

Luce

o
fuggitivo lampo di un eterno Amore

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 26/03/2014 06:06
    Io lo chiamerei.. poesia.. ti fa cadere nella voragine dell stelle.. e bruciare guardando due occhi... semplicemente.. con naturalezza.. come incontrare se stessi per caso.. mi piace
  • Rocco Michele LETTINI il 26/03/2014 05:30
    Io lo chiamo Paradiso... Stupenda sequela... IL MIO ELOGIO E LA MIA BUONA GIORNATA...

3 commenti:

  • karen tognini il 27/03/2014 09:35
    Meravigliosa Vincenzo... due occhi magici e non se ne esce più...
  • Anonimo il 27/03/2014 07:03
    Perdersi nell'universo alla ricerca dell'eterno Amore. Splendida!
  • Aldo il 26/03/2014 18:19
    Ci risiamo con l'eternità e particolarmente con l'eterno amore. Universo come eternità.. inscindibili. Bene!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0