accedi   |   crea nuovo account

Piccoli mondi

Sei entrata semplicemente nel mio corpo
come un qualcuno che rientra a casa sua
dopo un lungo viaggio

come una lacrima
stanca
di scorrere su un viso vuoto

si richiama a sé in nostalgia

volendo
ritrovare negli occhi
del suo piccolo mondo

le scintille di un camino
in cui riprendere fiamma

e due braccia
accese

ad asciugarle il pianto

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 26/03/2014 13:57
    Vedo uno stile ancora più bello, musicale e leggiadro in questa tua.

    In quanto a quel che tu mi dicevi a proposito di un mio commento di un op. di Vera, è proprio il fatto di essermi reso conto dell'errore, e di lamentarmi sempre, che mi ha ispirato la mia: "L'impaziente Caronte".
  • Rocco Michele LETTINI il 26/03/2014 07:37
    Le scintille di un camino... due bracce accese... il fuoco di un amore rinato... per ritrovarsi in un volto di luce che lasci sorrisi... FAVOLOSO VINCE'...

2 commenti:

  • nicoletta spina il 26/03/2014 12:26
    Un piccolo mondo che è il microcosmo di un grande amore... nella brillante lacrima di una nostalgia... la fiamma si riaccende nell'abbraccio eterno... Bellissima Cap!!
  • Aldo il 26/03/2014 10:09
    Davvero un piccolo, tenero mondo commovente in cui furoreggia la nostalgia e il desiderio feroce di recuperare, in fretta, il passato. Tutto ok Vincenzo, come in un passato neanche tanto remoto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0