accedi   |   crea nuovo account

Oscillo

Solo crepe
piccole e profonde
sul mio corpo
coperto di mosaico.
Lucidi e colorati
pezzi di pelle
scoprendosi
mostrano verita'.
Marmo bianco,
gesso nero
duri e spietati
coprono il sangue.
Fermo, rappreso,
coagulante felicita'
dentro corpo fluido
che rigetta.
Sento le forze
ritirarsi
come bassa marea
e rimane la sabbia.
E ora oscillo,
regolare movimento
dentro vuote pareti
senza suoni.
Non sento piu'
odor di fragole
niente piu'
freschi risvegli.
E tutto svanisce
dietro le spalle
che cosi' pesanti
curvano al basso.
Lasciami ora
e non voltarti
chiama un nome
che non riconosco.
Mi voltero' io
con passo fermo
o correndo
verso il tuo amore.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 01/04/2014 16:33
    La dura legge della vita da combattere sempre con sforzo sovrumano in nome dell'amore. Molto significativa e commovente.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0