username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Prigionia

La natura prende forma di un ricordo
Il tempo si dilata o si chiude
In uno scorrere parallelo

Le voci dimenticate
solleticano ancora i sogni
che piano piano si scompongono

Desideri specchiati
sopra un muro di scarabocchi
di carcasse d'anima cedute al vento

Resta il corpo nelle voglie
Nella fame
Nelle doglie

A volte ci si eleva
A volte ci si chiude
A volte si muore

 

l'autore Sabrina C. P. ha riportato queste note sull'opera

Anno 2012


0
7 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/04/2014 09:16
    Meglio cercare SEMPRE, SEMPRE, SEMPRE di VIVERE, Sabina! Vera
  • Rocco Michele LETTINI il 01/04/2014 23:12
    A volte... si condivide... quando il decanto è sentito, è vero... IL MIO ELOGIO SABRINA.
  • Antonio Garganese il 01/04/2014 20:37
    Diverse risposte e stati d'animo di fronte ad un unico evento. Poesia molto sentita. Assai bella.

7 commenti:

  • Sabrina C. P. il 09/05/2014 23:30
    Grazie, VERA!!
    Non sono molto attiva sul sito, in questo periodo. Perdonami. Un bacio.
  • Anonimo il 24/04/2014 09:20
    Ti ho riletto perché ti penso... Gli ultimi tre versi, appartengono al 2012... Il 2014 cosa t'ispira?... AUGURI! Vera
  • Sabrina C. P. il 07/04/2014 16:03
    Grazie per le letture e gli interventi. Non importa, Vera!! Un abbraccio!!
  • Anonimo il 06/04/2014 09:17
    Perdona, ti ho cambiato il nome!
  • Raffaele Arena il 05/04/2014 22:16
    Poesia che apprezzo per lo stile essenziale, il dramtico tema affrontato e la sensibilitá trasmessa con le efficaci parole con cui l'hai scritta.
  • Anonimo il 01/04/2014 20:45
    un pochino ermetica ma molto ben scritta
  • loretta margherita citarei il 01/04/2014 20:00
    profonda poesia apprezzatissima ciao sabry

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0