accedi   |   crea nuovo account

L'ombra

Il treno mi porta lontano
Chilometri
Fili invisibili
Che incatenano i miei piedi ai ceppi
Della paura della paura...
Pulsa forte il cuore
Come fossi cavallo libero...
Ma lo simula questo topo spaventato
Intrappolato
In questo spazio senza tempo
In questo grande vuoto
Smarrisco le mie radici...
E sono sola
Io e l'ombra
Io e il PANICO...

 

3
1 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • DOMENICO DE MARENGHI il 21/04/2014 23:06
    Paura e panico caratterizzano questo sonetto ed attendono di essere riscattate, anche se, al momento, non si vede ancora la luce in fondo al tunnel di questa profonda angoscia intrisa di solitudine.
  • Anonimo il 10/04/2014 13:16
    Da ogni sensazione di <panico> ci si può liberare se, odiando ogni forma di schiavitù, pian piano -serenamente di una serenità voluta, amata- lo lasciamo uscire da noi, dicendogli: la mia serenità è INCONDIZIONATA... È un AMORE SCELTO e VISSUTO con PASSIONE!... Non è cosa facile realizzarlo, riconosco, ma è, appunto, talmente appassionante viverlo! Vera
  • Vincenzo Capitanucci il 09/04/2014 09:46
    Bellissima Teresa... ha un bellissimo ritmo denso di significato... paura per aver perso le nostre radici... e siamo rimasti a guardare la nostra ombra.. con panico... come se fosse una sconosciuta..
    ...
    panico... dal dio Pan... quel Pan che in greco vuol dire tutto... e per me ha un sapore integrale... crudo e selvaggio... di pane antico...
  • Anonimo il 07/04/2014 16:18
    Una poesia che trasmette una sensazione di schiavitù circolare in cui rimane impigliato l'autore, forse sfiduciato, abbattuto e di nuovo sfiduciato, da una situazione personale che vede senza alcuna via d'uscita.
    Molto bella, complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 03/04/2014 00:04
    Una depressa quotidianità traspare dal malinconico e provato tuo forgiato...
    Il panico... come punto di chiusa... di un mesto capitolo vitale... DILIGENTE, QUANTO SAPIENTE POETAR...

1 commenti:

  • Anonimo il 03/04/2014 16:19
    Poesia forte, in cui si percepiscono i tuoi stati d 'animo del momento.
    Molto bella e sentita.