username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Quando prendi la mia mano

Su pietre che ostacolano il cammino,
su superfici d'acqua
per imparare a galleggiare,
sul rilievo di un marciapiede
facendo attenzione
a calibrare il passo.

Sui gradoni di uno stadio
andando su
senza paura di dominare.

Ora vertigine
che mi fa strano.

Ora afferro vento
quando prendi
la mia mano.

 

2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 06/04/2014 22:33
    I ricordi affiorano improvvisi alla mente, magari portati dal refolo d'aria, o un fermo immagine che ci riporta ad un tempo in cui la presenza affettuosa e forte di una personalità grande ci faceva sentire i padroni del mondo: era l'infanzia... l'epoca dell'irreale che è reale e per chi l'ha avuta calda d'amore lo è stata ancor di più. Bella Antonio
  • Carmine Impagnatiello il 04/04/2014 10:47
    Ti capisco ed anch'io afferro vento, mentre cerco di mantenermi in equilibrio. Bella.
  • Anonimo il 04/04/2014 08:59
    La VITA! Tutti i frammenti della sua composizione che un anima veramente poetica sa cogliere e vivere. BELLA!

3 commenti:

  • Raffaele Arena il 05/04/2014 22:24
    Dedica a una persona che trovo sentita e per questo bella. Piaciuta è dir poco.
  • Alessandro il 04/04/2014 13:18
    L'equilibrio si ritrova in coppia, per affrontare il terreno insidioso. Bella
  • Chira il 04/04/2014 10:44
    La vita che scorre, forte e "rispettosa" (... senza paura di dominare...) ma ogni tanto ritorna dolcissima e struggente la nostalgia per... lo sai solo tu chi ti tiene ancora per mano.
    Molto bella!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0