PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Preziosi come l'aria

Mani protese in un abbraccio,
il mio sorriso incontra il vostro,
stringo i pugni per afferrare
l'eterea, impalpabile aria,
preziosa come la presenza
di uomini e donne
lontani solo in apparenza.
Passano gli anni
ad uno ad uno
soverchiando di ricordi
la mia anima sempre più
carica d'amore e di colore.
Non abbiamo ancora capito
che non serve odiare,
non serve stringere i pugni
senza afferrare l'aria.
Dicono di voi che non ci siete,
dicono di voi che siete falsi,
che indossate maschere
di fango e di cartone,
ma io so solo che
voglio i vostri abbracci
e che siete per me
come tante luci nella notte
e come l'acqua pura che
disseta gli assetati.

 

l'autore VINCENZO ROCCIOLO ha riportato queste note sull'opera

Scritta nel giorno del mio compleanno, e dedicata alle mie amiche e ai miei amici di Facebook!


1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/04/2014 15:49
    Coglie vuoto solo chi ha vuoto dentro... TU sei ricco di VITA perché ricco d'AMORE!

2 commenti:

  • Alessandro il 06/04/2014 22:18
    Non serve agitare i pugni, perché il rancore consuma sia faccia a faccia che dietro uno schermo. Piaciuta
  • VINCENZO ROCCIOLO il 06/04/2014 16:53
    Ti ringrazio tantissimo per l'affetto che mi dimostri, cara Vera! Tu mi conosci, e sai benissimo che per me conta più che mi si dica "TU sei ricco di VITA perché ricco d'AMORE!" che "Sei un grande poeta"! Grazie ancora! Ti voglio bene!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0