accedi   |   crea nuovo account

Il sorriso ha gli occhi umidi

Scendevano silenziose
volute o non volute
ma non urlate,
magari appiccicose
come un residuo di resina
di quel vecchio albero di memoria
e lo strazio di un Urlo
non si seda nel sonno.

Scendevano silenziose
bagnavano la pagina
che si e' sbriciolata
cme panna montata.
Per molti la memoria
è solo ricordare;
ma guardare solleva il Velo
e con quello ci si può' asciugare
tutto il male.

Il pianto della memoria
ci fa morire vivendo
e vivendo capire
che il sorriso ha gli occi umidi,
che una lacrima e' un sorriso.

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 06/04/2014 23:05
    UNA CHIUSA DEGNO ALLORO DI QUANTO DECANTATO SAPIENTEMENTE... SERENA SETTIMANA

3 commenti:

  • silvia leuzzi il 10/04/2014 22:18
    Grazie Fabio, non sono in molti a leggere le liriche un pochino tristi a volte, sicuramente riflessive sulla condizione umana. Ci struggiamo per amori impossibili e ci attorcigliamo le ciocche umide dei nostri tristi capelli, quando poco fuori dai nostri giardini fioriti, qualcuno muore ed inascoltato è il suo grido. A me questa consapevolezza ha sempre pesato sul mio animo. sono un po' sciocca? può darsi. Grazie ancora per l'attenzione che mi presti
  • Fabio Magris il 10/04/2014 21:52
    Mi ci aggiungo e mi complimento perché sono davvero toccanti queste tue. Sempre di più...
  • Anonimo il 07/04/2014 09:19
    Grazie Rocco sei l'unico che apprezza le mie liriche sempre o quasi. Un abbraccio affettuoso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0