username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Alla vita

eterna appariva la notte
furtivamente calata
nelle stanze della sua vita.

Niente stelle. Niente luna.
Solo qua e là bagliori
di lampi evanescenti.

Non aveva tempo
quella distesa di cose
informi senza spazio e colori.

Solo la notte
maledettamente bastarda
senza orizzonti nè limiti

in confusione di intime
voci, di torbidi pensieri
aggrovigliati.
.

Terra bruciata
e incolta la sua
dove la gemma faticava
a fiorire...

Resosi conto
che vano era
il tanto soffrire
decise
che non aveva più senso
quel doloroso suo lento morire.

Con nuovi occhi
vide ogni cosa
riprender forma,
sentì la linfa scorrere
in aridi ceppi.

S'abbandonò
al ritorno
dell'antico Germoglio
che fa chiara ogni notte.

 

4
7 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/04/2014 12:18
    Una poesia che sa di resurrezione, anche della natura. Bravissima amica Lor!
  • Vincenzo Capitanucci il 08/04/2014 09:34
    Chi-ara di notte... si abbandona alla fiamma... dell'Antico Germoglio...
    ...
    molto bella L'or...
  • Anonimo il 08/04/2014 08:08
    S', sì, sì, "non ha senso un doloroso, lento morire"... Non accaniamoci inutilmente in inutili dolori, non soffriamo per ciò che sofferenza non merita..."Accaniamoci" solo e con gioia nel cogliere il bello e buono della vita, nel fare tutto il bene che ci è possibile e... nella conseguente, profonda serenità, anche gioia del nostro vivere. BRAVA! Un abbraccio Vera
  • Anonimo il 08/04/2014 07:40
    Molto apprezzata questa tua... complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/04/2014 07:10
    Che ognuno di noi, in questa Santa Pasqua, trovi la rinascita a nuovo germoglio di vita come Tu saggiamente hai decantato in sì adorabile verseggio... LA MIA LODE LORY... SERENA GIORNATA...

7 commenti:

  • Fabio Solieri il 12/04/2014 19:15
    Apice della forza di volontà
  • Alessandro il 08/04/2014 23:11
    Dolore e resurrezione, come tutti i cicli naturali.
  • Anonimo il 08/04/2014 19:40
    Splendida poesia Lor, soprattutto la chiusa.
    Mitica, mitica e mitica!
  • anna rita pincopallo il 08/04/2014 11:00
    splendida poesia bravissima
  • bruno guidotti il 08/04/2014 09:41
    Bellissima poesia, ricca evocativamente, scorrevole quanto basta. Sei sempre molto ma molto brava.
  • karen tognini il 08/04/2014 07:29
    A volte ci si crogiola nella sofferenza... ma così non porta che altra sofferenza... basterebbe cambiare modo di vedere le cose... Con nuovi occhi
    vide ogni cosa
    riprender forma,
    sentì la linfa scorrere
    in aridi ceppi.

    S'abbandonò
    al ritorno
    dell'antico Germoglio
    che fa chiara ogni notte.
  • gianni castagneri il 08/04/2014 06:42
    molto bella questa rinascita, questa primavera... oppure questo ritorno d'amore e di vita!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0