accedi   |   crea nuovo account

La scatola gialla

Su un graffiato di sabbia
chiara
un quadro nero

un'unica pennellata
pastosa
raffigurante un uomo che insegue la Sua mano

davanti
un cuscino rosso
appoggiato su una scatola gialla

s'intravede su uno scorcio d'azzurro scuro
la scritta

"Sigillo antieffrazione
ogni tentativo
di manomissione
sarà evidenziato"

Sul lato sinistro
s'intravede un piccolo quadro a olio
idilliaco

sotto un albero in fiore ed un perpetuarsi di petali rosa
due colombe bianche volano
sfiorando con le loro ali due sedie vuote
con schienali a forma di cuori

è
firmato Geneviève

ma penso che sia stato Sara a dipingerlo proprio in quel giorno buio in cui ci siamo lasciati

Sul lato destro
solo un libro

forse di poesie

-ormai la mia memoria vacilla è stata catturata da un narciso -

sepolto sotto una quantità infinità di scartoffie

Guardandomi
allo specchio mi dico quanto sei bello
con quei Tuoi lunghi capelli neri appena brizzolati

assomigli a quello che ero

Prima di spegnere la luce
Ti prego
rompi i sigilli

non lasciare il Tuo volo incompiuto

e
guarda cosa c'è in quella scatola gialla

è
la Tua missione

 

3
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/04/2014 12:42
    Ognuno di noi ha un compito nella vita ed è attrezzato per svolgero pienamente. Il fallimento dipende solo da noi e dal nostro perderci dietro alle vanità, invece che alla sostanza che, in soldoni, è rappresentata dall'amore, in tutte le sue sfumature.
    Una poesia simile ad un'opera informale che ti permette di vedere contorni e sfumature diverse.
    Ottima Vincé!

    Comunque Vincé, un grazie a parte, per esserti ricordato della Roma col giallo e il rosso!
  • loretta margherita citarei il 08/04/2014 11:23
    la luce si spegnerà, ma eterno sarà sempre il tuo spirito, nella celeste rosa che ha come petali le tante poesie d'amore da te scritte, bellissima cap
  • Rocco Michele LETTINI il 08/04/2014 08:36
    Empirea chiusa Vincè... Un poetar unico, chi mai potrà mai uguagliarti Vate dei Nostro Tempo?
  • Anonimo il 08/04/2014 08:27
    Le tue poesie!... Abissi da esplorare... Sempre più avverto il desiderio di tacere umilmente... Chi sono io per commentarle?!...
    Ma di una cosa, nella mia pochezza, sono certa: Tu, un missionario sei: della TUA, umanissima e sublime Religione. GRAZIE. Vera
  • Anonimo il 08/04/2014 08:12
    Poesia molto bella, con una chiusa che dice tutto e lo dice in maniera sublime... complimenti Vincenzo.

4 commenti:

  • Alessandro il 08/04/2014 23:14
    Un apprezzabile delirio carico di simboli.
  • Anonimo il 08/04/2014 16:46
    Stupenda Vincè. I tuoi versi sono unici e profondi.
    La chiusa è fantastica, me la trascrivo sul quaderno e ovvio... con la firma del nostro capitano.
  • bruno guidotti il 08/04/2014 10:14
    Commentarti sarebbe presunzione. Accettare le rime un piacere, e come un alunno attento, ti seguo in silenzio.
  • karen tognini il 08/04/2014 08:06
    Guarda dentro il cuore.. somiglia a quel Narciso che mai sfiorirà...

    Bellissima poesia.. Prima di spegnere la luce
    Ti prego
    rompi i sigilli

    non lasciare il Tuo volo incompiuto

    e
    guarda cosa c'è in quella scatola gialla

    è
    la Tua missione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0