accedi   |   crea nuovo account

Il sole

Inverno,
non freddo ma pungente
ed io sopra un motorino
che non guido.
Il mio amico, lui che guida,
è troppo ubriaco per continuare
e io sono troppo ubriaco per accorgermene.

Sfrecciamo veloci tra le auto
che si lamentano di noi.

Sfrecciamo per minuti
evitando incidenti e visite
d'emergenza all'ospedale.

La strada s'innalza come una collina
che noi risaliamo
per il prato incatramato.

Sulla cima, l'infinito disco solare
rosso scintillante mentre
prevedendo il tramonto
si lascia gocciolare
sopra i tetti delle case.

La strada curva e il cemento m'acceca.
L'ultimo sole dell'ultimo uomo
dell'ultimo mondo
proprio all'ultimo minuto.

C'è ancora speranza.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/04/2014 21:47
    Fin quando c'è la racconti vuol dire che è andata bene. Ma se volete che vada diversamente vi consiglio di aumentare la dose. Di sicuro il mondo non si accorgerà della scomparsa di siffatti eroi! Amen! Buona Pasqua perché non so se il prossimo anno vi potrò fare gli auguri.

3 commenti:

  • Anonimo il 19/04/2014 21:49
    E ci pubblico anche un commento perché a me servono crediti. Sempre per il discorso che non so se un altro commento riuscirò a farlo. Ma spero di si e spero che preferiate l'acqua se dovete correre in motorino che è meno alcolica. (E mettete almeno il casco)!
  • Teresa Pisano il 10/04/2014 06:49
    Brividi, fiato sospeso fino all'ultimo minuto... poi ricomincio a respirare, c'e' speranza!
  • Alessandro il 09/04/2014 22:40
    Una speranza oltre ogni ultimatum. Sarebbe consolante.