username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'aveva tanto amato

Lei si, l'aveva tanto amato
appassionatamente
con la forza d'una sinfonia,
teneramente come un neonato
con il piacere della nostalgia.
L'abiezione mista alla paura
con dolore intimo e raccolto
ogni fantasia sopportato
con l'illusione che un di, mutato,
l'avrebbe ancora e tanto amata.
Ma propese per lenire il danno.
Un giorno caricò la delusione,
amarezza, scontento, disinganno,
disagio, tristezza e frustrazione,
e lontano traslocò l'affanno.
Lui non si curò giacché l'amava,
di certo a modo suo senza calore,
ché della forma lui non si curava.
Musica suonò di cuori infranti
canzoni che slegavano catene
lavavano le pene e le paure,
anche se sentiva soffocare.
Definì così con sue misure
ch'amare fosse solo soddisfare;
di dosso si scrollò d'ogni rimpianto,
scordò bassezze, voglie e le brutture
che da sempre l'avevano distinto
e solo restò nel suo recinto,
segnando senza amore la sua sorte
certamente peggiore della morte.

 

2
4 commenti     8 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

8 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Centrone Stefano il 12/04/2014 15:54
    n questa poesia vi è tutto il dispiacere che una persona incontra quando l'amore non è corrisposto e quindi, bisogna traslocare i pensieri e le amarezze; traslocare il proprio amore.
    Caro Ugo, io non sono bravo nel commentare le poesie, ma so distinguere le poesie scritte con eleganza poetica. Complimenti
  • Anonimo il 12/04/2014 15:53
    In questa poesia vi è tutto il dispiacere che una persona incontra quando l'amore non è corrisposto e quindi, bisogna traslocare i pensieri e le amarezze; traslocare il proprio amore.
    Caro Ugo, io non sono bravo nel commentare le poesie, ma so distinguere le poesie scritte con eleganza poetica. Complimenti
  • Anonimo il 11/04/2014 23:06
    Lì per lì pensavo l'avessi scritta per me. Sembrava qualcosa di familiare. Poi i versi sono andati da un'altra parte e mi sono accorto che non ero io. In me è rimasto comunque l'amore mentre lo squallore (non mio) se l'è portato via che l'aveva soltanto celato fin dall'inizio. La storia si conclude lo stesso in solitudine e con la morte nel cuore. Ma penso che non sono alla fine io quello che sono morto davvero.
  • Caterina Russotti il 11/04/2014 19:04
    Solo quando un'amore finisce... Ci si rende conto che rimanere soli talvolta è peggiore della morte. Versi molto belli e tristi ma che fan comprendere che solo quando ci mettiamo a nudo possiamo scoprire quel che veramente ci sta a cuore... Meravigliosa
  • Anonimo il 11/04/2014 14:54
    Mi viene in mente una frase: L'amore questo sconosciuto!
    In effetti, anche quando crediamo di amare, alla fine, dobbiamo arrenderci all'evidenza che non sappiamo amare e che non tutti amiamo allo stesso modo.
    Forse le delusioni nascono pure dal fatto che riteniamo giusto il nostro modo di amare, anche per l'altro diverso da noi, ma questa è solo una riflessione che mi suscita questa poesia. Bellissima Ugo!
  • Maurizio Cortese il 11/04/2014 12:38
    La solitudine infernale di chi non sa amare, descritta con pennellate ora brusche ora leggere dal Mastrogiovanni, con il suo poetare sopraffino, come nel verso "lontano traslocò l'affanno": tre parole per indicare passato, presente e futuro di quell'amata.
  • Thomas il 11/04/2014 12:12
    Bellissimo e triste. complimenti
  • Rocco Michele LETTINI il 11/04/2014 11:41
    Una delusione amorosa è sì peggiore della morte quando si è amato appassionatamente, o con la tenerezza di un neonato... Un profondo verseggio saputamente forgiato... C'È MAESTRIA UGO NEL TUO POETAR... IL MIO ELOGIO...

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 12/04/2014 03:54
    come sempre splendido verseggiare il tuo, ciao ugo
  • Alessandro il 11/04/2014 21:31
    Quando si cerca di spezzare a forza un legame inscindibile. Come rimediare?
  • Chira il 11/04/2014 17:52
    Lei si, l'aveva tanto amato... lui forse a modo suo e tutto finì...
    Tantissime storie sono così. Bellissima Ugo!
    Chiara
  • Maria Teresa il 11/04/2014 14:53
    Bella.
    Amara, ma bella.
    Negli ultimi due versi si condensano, non solo tristezza e solitudine ma anche l'immensa delusione per un amore non ricambiato e/o finito.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0