accedi   |   crea nuovo account

Tempi inutili

Quello che l'assassino ruba alla sua vittima
è un tempo per lui inutile che non può spendere,
il tempo inutile è un amore che tradisce, dimentica e rifiuta, perché sì arrende,
è la fatica che sfrutta, non paga, uccide, licenzia ed invalida,
è la sofferenza della prova che non perdona,
la speranza senza traguardo che parte sempre sola,
la pazienza che in nessun porto approda,
una promessa non chiesta che mai sì avvera,
una verità senza risposta,
un ricordo senza futuro che riaffiora,
un vecchio che gioca una partita già persa,
il paradosso di ogni attimo perduto che riscuote la morte come una vittoria,
è il rimorso per l'obbligo del fare ciò che però non piace,
il rimpianto per la gloria d'un quarto d'ora,
un dio che gioca con te a mosca cieca,
un ritardo la cui discolpa non l'abroga,
la noia della felicità che perdura senza sorprese,
il tempo d'altri di cui il tuo fa le spese,
la sosta con l'ignoranza che invece merita la fuga,
il condono al reo che si pente, ma soltanto con lo sconto della pena,
il consenso al ladro che ruba anche la stima oltre al denaro,
il parlare al sordo che sente bene soltanto il suo parere,
il leggere parole scritte a pappagallo,
il confronto della libera opinione con i servi del padrone,
lo sforzo per estirpare il callo della sfortuna,
convincere i delusi che l'amore oltre al sole della libido,
brilla d'altre fonti d'energia alternativa,
l'intento d'abolire privilegi già concessi, ma che non è lecito concedere,
spiegare allo stolto che la pulizia ed il profumo della sua casa,
non sono un'isola felice
se anche lui contribuisce al rischio che la sommerga un mare putrido di merda.
il pensiero unico dell'inizio privo ed il pensiero breve senza l'arrivo,
l'insulto all'imbecille che non capisce neanche il vaffanculo,
l'ora felice scandita da un orario preciso,
un giorno ed una notte a basso costo in aeroporto,
un bacio cellulare su labbra digitali, lontani un passo,
il furto al sonno perché la vita è corta,
e dormendo poi di giorno la notte forse s'allunga,
un attmino, un secondino, un minutino, tempi senza tempo,
la delega perenne purché senza controllo,
la pavida paura tranquilla che non si ribella,
la carità alla povertà rapace che depreda quella vera,
la lotta al vizio con il distinguo tra quelli carichi del balzello legale,

12

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/04/2014 05:26
    Un saggio poetar cò tante eloquenti riflessioni...

1 commenti:

  • augusto villa il 15/01/2015 18:56
    Mi è piaciuta... e mi ha ricordato un film in cui il tempo era usato come moneta. . le persone guadagnavano tempo e spendevano tempo.
    Anche le condanne si pagavano col tempo... Avevano un bracciale sul quale veniva versato o prelevato il tempo... Quando finiva.. si moriva... I ricconi erano al mondo da 800 anni... Inquietante ma per certi versi... molto vero!... non ne ricordo il titolo, accidenti!
    A te, complimenti!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0