PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pene ed ironia

Si leggasi bene, PENE, ma quelle, non quello!
Quello spetta solo a noi.

Mentre Lui,
il più ricco e condannato di tutti,
a cui andrebbero stretti 10 ergastoli
per il male fatto al popolo italiano,
se la cava con la grave condanna
di una visitina settimanale ad un centro anziani.
Nel nuovo governo delle riforme super annunciate
51 parlamentari hanno il candido coraggio
di dichiarare REDDITO ZERO.
Ma questi riformano campando con la paghetta di mammà?

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 16/04/2014 13:56
    Veramente per noi sono Pene al femminile e Pene al maschile. Ciascuno incide sul nostro fisico andandosi a collocare in posti diversi. Ma questa è l'Italia che gli Italiani hanno contribuito a far nascere grazie al loro stesso voto e allo scambio tra voto e favoritismo.
    E questi signori, in cambio, hanno perpetuato il loro potere, non per il fine comune, ma come mezzo per il fine del loro potere e di quello economico che li ha gestiti alla perfezione.
  • Rocco Michele LETTINI il 16/04/2014 07:47
    La legge non è uguale per tutti? Chissà la Zia Vera come sarà incavolata...

1 commenti:

  • Chira il 16/04/2014 07:45
    Ancora a far ridere il mondo: alla fine sarà andato complessivamente una settimana lì... a farsi una dormita... Boh! ciao Auro!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0