PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Notre Dame

Nel tempo in cui
le acque erano
umili
e scorrevano verso il mare
chiare e veggenti

il fiume

nel cuore della luminosa città
si separò in due
formando il corpo di un'isola
dolcemente accarezzato sui fianchi da un sentore divino

sapendo già

dai tempi antichissimi di un tempio pagano
forgiato dalle forze immense della natura

che gli uomini
vi avrebbero costruito
una cattedrale

dedicata in anima alla Madre di Tutti

Padre
delle Vittorie

quasi a modo
i Gobbi
suonano le campane

Proteggili

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/04/2014 09:46
    UN INCANTO DAL TUO VEDERE IMMENSO... IL MIO ELOGIO VINCE'
  • Anonimo il 19/04/2014 05:25
    Veramente stupenda... una descrizione perfetta e molto raffinata dell'immensa Notre Dame che ha ispirato, tra le altre, la mente geniale del grande Victor Hugo... complimenti Vincenzo

3 commenti:

  • Vincenzo Hypomone il 19/04/2014 18:55
    buona pasqua vincé.. bello tornare a leggere le tue poesie
  • loretta margherita citarei il 19/04/2014 17:54
    bellissima cap, auguri di cuore
  • Anonimo il 19/04/2014 09:22
    meravigliosa lirica sposo il commento di ferdinando... sempre bravo
    ancora Buona Pasqua

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0