accedi   |   crea nuovo account

Accoglimi in te

Accorro per il suono di una sviolinata
Cerco la strada dell’entrata
Cerco la porta con la mia mente ormai incantata
Ora che lo trovata
Gioco con le dita sulla sua superficie vellutata
La porte come sempre è serrata
Io posso solo immaginare quell’odore interno di rosa delicata
Margherite e fiori vari che ondeggiano al suono di una sviolinata
Irti colli verdi e una vallata di sassi tempestata

Io già so che da li si entra ed esce difficilmente
Non nego di sapere che il posto è occupato eternamente

Tutto ciò che faccio per entrare è inutile e ingiusto
Eccetto che lui mi accolga per il proprio gusto.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Domiziana Gigliotti il 27/02/2012 20:51
    Molto delicata, profonda ed anche ben scritta. Ciao Carla
  • Anonimo il 24/01/2009 18:17
  • marco moresco il 20/09/2007 09:37
    bella, ciao marco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0