PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Via Crucis

Questo canto popolare non veniva cantato dai fedeli in chiesa ne in alcuna processione religiosa. Veniva recitato nella Settimana Santa, dai pastori più anziani ai giovani durante il pasto serale, o nelle pause del lavoro.


La via Crucis

La parti di Giuda
Oh, Cristu, o parma aliva,
oh, parma persa,
lu lignu eni forti e duru,
a Gesù lu carricaru pi traversu
sbrigugnati tanti, nun cummissi,
piccatura comu figliu versu,
cu ti curressi, e comu chi spissu,
eri natu a stu munnu, ed eri persu,
cu ti risuscita fu crucifissuri.
Crucifissu all'ortu comi 'n'nfami.
La santa passioni chi patia,
un angilu cu lu caliciu calau.
sangu ci detti e subitu surgiu,
e muti li pracelli chi passau a soffruttu,
comu omu e no comu Cristu,
Giuda nun durmia ch`av'ia chiffari,
si nni và 'nta la truppa cun friuri,
a Cristu si vinniu trenta dinari.
Guarda a Giuda, quant'è tradituri,
forti di la truppa, ci lu ju a `nzignari,
cu era Gesù Cristu Ridinturi,
l'abbrazza forti e lu cumincia a vasari,
pi lu San Giuvanni nun pigliari arruri.
Cu gran friuri si pigliaru a Gesù lu Nazzareno
e prima chi a Gesù lu pigliaru,
tri voti trimau lu tirrenu.

La parte di San Pietro.

S. Petru prima chi a iddu lu tuccaru,
o chi nun durmia, o chi sintiu
stava durmennu e s'arrisbigliau,
cu estrema superbia si susiu,
pristamenti li so guardii s`arrangiau,
tagliau l`aricchi a lu cchiù grossu judeu,
e Gesu Cristu cci lu 'mpiccicau.
A Petru si cchiamau ddu gran signuri,
Oh, Petru oh Petru, tu cosa speri fari?
Nun fari cumu lu judici: erruri,
comu ti strania lu tò friuri,
vidi Giuda quantu é tradituri,

1234

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 22/04/2014 18:37
    UNA VIA CRUCIS... CON LA FEDE NEL CUORE...
    PARTI PROFONDE E TOCCANTI... ENCOMIABILE SALVTORE...

3 commenti:

  • salvatore maurici il 22/04/2014 21:12
    Miei cari amici, unici amici, sempre fedeli, nonostante frequenti poco il sito. Ho voluto condividere questa ballata antica che è arrivata fino a me attraverso il ricordo di coloro che la recitavano durante la Settimana Santa. L'ultimo, lo Zu Caloggiru me la raccontata con grandi difficoltà di memoria, io l'ho condivisa con voi. Grazie del vostro incoraggiamento
  • loretta margherita citarei il 22/04/2014 18:40
    bellissima , s'usava una volta fare dalla semplice gente questi canti, complimenti
  • Chira il 22/04/2014 18:01
    Ripeto che scrivere in dialetto è difficilissimo ma tu ogni volta lo fai in maniera eccelsa. Tutta la Via Crucis di nostro Signore c'è, nei minimi particolari. Ci sono espressioni "strazianti" ed altre di tenerezza infinita. Mi emoziona questo attaccamento alla tua terra: è come fossi consapevole di lasciare queste gemme per chi verrà e potrà farne tesoro, solo grazie a te! Pezzo UNICO, Salvatore, di grandissimo valore.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0