PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sogno

Ti sono venuto in sogno
sporcandoti quello ricorrente
poiché desideravo annunciarti
la tua libera congiunzione alle mie ali.
Se ti svegliai sbraitando
calde sensazioni di luna piena,
era solo per confidarti
la mia trascinante debolezza.
La notte ci spossa, come negarlo,
ma è la più pregna di naturalezze
e sopra quel sonno che ci rese bambini
ci videro morire le farfalle;
quale lido sarebbe di questo
più al centro
di un insperato paradigma di eternità.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 23/04/2014 09:56
    Un sogno che sa tanto di realtà...
    ...
    Ottima Vincenzo... Sbraitavo nella notte per debolezza...
  • Rocco Michele LETTINI il 23/04/2014 05:51
    UN SOGNO PREGNO D'ANTICO... NATURALE... IN UN VERSEGGIO AMOREVOLMENTE FORGIATO... SERENA GIORNATA

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0