PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cinquantadue quasi cinquantatre

In cinquantadue anni ho mutato
pelle quasi ogni anno
quel che t'appare uguale
è il vestito del mercato.
Ricordi l'usato?
Ci vestivamo di stracci
poco avvenenti ma molto incisive!

In cinquantadue anni
ho perso troppo tempo
a pensare al plurale
in mezzo a gente
che sul singolare
ha costruito un altare

 

4
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 13/05/2014 14:43
    mammamia come un pugno allo stomaco! Bellissima zì!!!!
  • vincent corbo il 24/04/2014 07:37
    In poche parole, ci siamo ritrovati ai piedi di un altare, delusi e trasformati nel corpo e nella mente ma ancora con la voglia di non piegarci alla tristezza.
  • Auro Lezzi il 24/04/2014 06:35
    Al mercatino eravam noi.. Oggi in boutique sono io... E basta.
  • Rocco Michele LETTINI il 24/04/2014 06:13
    Sul singolare ha costruito un altare... lasciando dietro l'altruismo che ha sempre rincuorato... (È IL NOSTRO PRESENTE) E l'autrice rammenta il suo desiderio di trionfo tra tanta indifferenza in versi profondi e mirabilmente forgiati... SUBLIME OSSERVAZIONE SILVIA... SERENA GIORNATA
  • Antonio Garganese il 23/04/2014 22:35
    Un modo di vivere ed una riflessione. Un ricordo del passato, un vivere concretamente il presente e uno sguardo fiducioso sul futuro, complimenti.

4 commenti:

  • augusto villa il 11/05/2014 23:26
    Occavoli... ma come mi ci vedo!...
    Concordo.
    Vera e ben scritta!
  • Fabio Magris il 03/05/2014 09:25
    Sempre sorprendenti le tue poesie. Incisive, ma con garbo. Vi trovo sempre un misto di tutto. Esponi la punta di un iceberg e sotto... sotto si possono intravedere discorsi infiniti.
    Tutto reale comunque e ci si può specchiare.
  • Emiliano Francesconi il 24/04/2014 06:41
    Il pensare al plurale e quindi agli altri anziche' a se stessi e' un grande gesto che ti onora e non una perdita di tempo!!! Persone come te lasciano il segno, quelli che sul singokare costruiscono i loro altari lasciano briciole al vento!!!! Complimenti ed un saluto!!!
  • silvia leuzzi il 23/04/2014 22:55
    Grazie Antonio del tuo commento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0