username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ora che il sole è tornato

al limitar della sera
passeggiando
tra ginestre e rosse bacche

ho cercato di sciogliere
contorti, nodosi pensieri
ascoltando in totale abbandono
la voce del vento

che mi parla di se
di amori finiti
e di amori appena sbocciati.

Ti penso
e un sorriso s'accende
sulle mie labbra.

Tu mi sei piovuto
dal cielo
come la manna agli Ebrei
nel deserto.

Temo di perderti
di mutare le mie ritrovate
ali di rondine
in quelle d'un pipistrello
che fugge impazzito
nell'oscura notte

ora che ci sei
ora che il sole è tornato
e gli arbusti si piegano
al timido vento di primavera.

 

1
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Caterina Russotti il 29/04/2014 06:23
    Una primavera che accarezza il tuo cuore... Non aver paura di vivere quella brezza... Bellissima
  • roberto caterina il 28/04/2014 20:04
    sembra un po' l'amico vento del Papa Giovanni Paolo II. Tanti venti come tanti amori e tanti raggi di sole.
  • Carmine Impagnatiello il 28/04/2014 19:30
    Tutti i battiti del cuore. bella.
  • Rocco Michele LETTINI il 28/04/2014 18:37
    Ora che il sole è tornato... è un tripudio di romantico...
    LODEVOLE COME SEMPRE LORY

2 commenti:

  • gianni castagneri il 28/04/2014 20:12
    molto bella!... e' un po come chiedersi MA SARA' VERO O STO SOGNANDO?
  • Raffaele Arena il 28/04/2014 19:10
    Una bellissima poesia. Riesci a metter insieme sensazioni e sentimento in un quadro unico di parole che evocano in modo esatto istanti... che riportano il sole

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0