PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lo mio dì

De rosso lo cielo l'aurora dipinge
allora lo gallo alza la cresta e canta,
ed io sento d'esse vivo e piango,

e a chi m' ignora o disprezza
non probo per essi niuna malinconia,
tanto mi sento vivo e questo me basta,

a lo sipario nero seppur senza luna
ma la coscienza a posto abere,
come no bimbo dormo e sogno e nulla temo.

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Sono tre terzine in endecasillabi.


0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/05/2014 10:19
    SENTIRSI VIVO NELL'AMMIRAZIONE E NELLA CRITICA... È QUANTO DOVREMMO TESOREGGIARE...
    UN VERSEGGIO DA PLAUDIR PER QUANTO DECANTATO...

1 commenti:

  • stella luce il 07/05/2014 11:05
    bello questo tuo pensiero e questo modo di vivere la vita... non occorrono allori, per sentirsi importanti, ma ciò che conta è essere sé stessi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0