PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Indegnità

O vita, ti percorro
senza coraggio o acume,
ma nella fosca tenebra
ancor mi porgi un lume.

Velato è l'occhio, ingenua
la mente, fiacco il braccio;
eppure sempre latito
a un passo dal crepaccio.

Arrivo a figurarmi
che forse ti diverte
questo perenne spasimo
delle mie prove incerte;

o forse ancora speri
con materna pietà
che un bocciolo di cenere
alfine fiorirà.

Ma tu non puoi sapere,
ma tu non m'aiutare:
tanto mi doni un attimo,
tanto avrò da sprecare.

Or sai: quell'ardimento
che un poco amar ti fece
è come una rachitica
lucciola nella pece.

 

4
4 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 17/09/2014 21:29
    Trovo che sei in piena rivisitazione classica. La rima curata che dona alla poesia una musica quasi allegra, smorzando così l'amaritudine dell'argomento trattato, esaltando il potere evocativo proprio della poesia. Bravo Ale
  • Don Pompeo Mongiello il 27/07/2014 10:59
    Mi associo al coro, ti dico bravo e ti invito a ritornar fra noi!
  • Andrea Pezzotta il 08/05/2014 13:57
    Scorrevole, struggente e musicale, davvero un ottimo lavoro, sia a livello emotivo che anche a livello strutturale, complimenti
  • Anonimo il 08/05/2014 13:20
    La vita come personificazione di un qualcosa di avverso, ma ben sa l'autore che artefice di questa vita e di questi momenti è soltanto l'uomo,
    Molto bella!
  • Rocco Michele LETTINI il 08/05/2014 11:58
    Mancava il tuo sublime poetar Alessandro... Indegnità è l'illusione di un po' d'amar raccolto... Diligente e pregno di acuta considerazione... questo tuo verseggio... IL MIO ELOGIO...
  • Anonimo il 08/05/2014 11:44
    Una musicale poesia che scava nell'introspettivo dell'animo. Piacevole il ritmo e la musicalità (anche se proverei a ridare maggior ritmo all'ultimo verso). Ma in complesso una delicata disamina della propria vita.

4 commenti:

  • augusto villa il 08/10/2014 16:51
    Bella, ben scritta... e soprattutto uscita dal cuore...
    Tocca un po' tutti... questo dito nella piaga... Anche chi crede di potersene stare fuori! Complimenti!!!
  • giusy il 14/06/2014 18:18
    Complimenti è molto bella
  • Anonimo il 09/05/2014 09:35
    Emozioni struggenti, accompagnate da riflessioni davvero toccanti, sul significato della vita che, talvolta, mostra la propria INDEGNITA' a chi la percorre con fervida speranza d'essere aiutato. Apprezzata!
  • loretta margherita citarei il 09/05/2014 04:40
    un bell'inno anche se melanconico alla vita, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0