PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'urlo dell'odio

L'amicizia è un'immondizia
L'amore tutto un dolore
È l'odio ciò che ci vuole
Quando senti dentro di te
Un'energia che è fatta di male.

Qualcosa nel petto si muove
Il cuore quasi non batte
Il respiro è più regolare
Ma non sei del tutto normale.

I muscoli sono più tesi
I sensi son più amplificati
Ti senti tutto ad un tratto
Di poter fare ciò che nessuno ha mai fatto.

Quel che prima si agitava nel petto
Ora tutto il corpo ti scuote
Sei ormai pronto a scatenare
La potenza che sapevi di avere.

Con le braccia rivolte al sereno
Con un urlo di rabbia e veleno
Il male da te generato
Il mondo ha già devastato.

Ormai per le strade deserte
Non c'è altro che un'ombra di morte.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Daniele P il 01/04/2009 20:26
    Ed è esattamente il trionfo del male. La tristezza, trasformata in rabbia, che nulla può fermare.
  • antonio castaldo il 31/03/2009 15:51
    sembrerebbe il trionfo del male ma... è bellissima così com'è. ciao.
  • Susanna Melis il 05/02/2008 08:52
    Subdolo e insistente, l'odio promette una giustizia che non conosce finendo col distruggere colui che gli concede spazio nel proprio animo.
    Non c'è nulla di buono in questo ma la poesia è davvero bella, molto bravo!
  • Duccio Monfardini il 19/09/2007 17:04
    grintosa, mi piace. ciao, duccio.
  • Alfredo B il 19/09/2007 14:53
    rabbia e veleno...
  • EKIPS _ il 19/09/2007 13:40
    La poesia (mio umile parere)non deve necessariamente seguire degli schemi, altrimenti il poeta non sarebbe più un artista, ma un matematico! Il rispetto della metrica, della struttura ritmica di strofe, versi e rime, dev'essere una libera scelta stilistica. Questa poesia va bene così com'è! E poi quando lo sfogo scappa scappa!
  • Riccardo Brumana il 19/09/2007 13:29
    capisco perfettamente quel che dici... forte e potente! un genere-emozione umana e che tutti hanno ma di cui pochissimi ne parlano-scrivono. tu l'hai fatto e a mio giudizio sei stato un vulcano! bravissimo! 10
  • Daniele P il 18/09/2007 22:54
    Chiedo scusa per questa poesia un po' furoi dagli schemi, infatti non segue proprio nessuno degli schemi della poesia, almeno per quanto ne so io. L'ho composta molti anni fa di getto in un momento di furore satanico, se così lo possiamo definire.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0