accedi   |   crea nuovo account

Amore perduto e poi trovato

Lo cor che 'nosce amore
e mai flor maturo divenire
a mal partito pote finire
e solingo batte ne lo dolore.

Lo ticchettio de le ore
de lo vecio arlorgio sentire
su que la parete vota ormai apparire
lo meo Ego ne sente l'orrore.

E ne li polverosi dì temendo
lo esalar lo ultimo respiro
se ne sta fremendo.

Ma ecco de'ncanto ardendo
de lo cor lo novo sospiro
co la Bella a braccio sorridendo.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/05/2014 14:42
    Un sonetto in dialetto meravigliosamente composto e amorevolmente sgorgato...

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 14/05/2014 13:48
    Un amore che provoca dolore ma poi un dolce sorriso, che rincuora l'animo.
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0