PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quann' m'ingran'

Teng' na voglia di sfuca'
tutt' a raggia
pe' na nuvola griggia

ca' vec' suse
pur' ca ste u' sole

cu' tanta schiappin'
nzippat' su u' scannette

ma che t' dicen'?
T'anna fa'sse le fiure?
Mitt' nu segne
e pah na' mo t'u 'nsegne

tutt'na vote, jess na fatija
e l'turnise pe n'ann'
e di cchiu' ancore

imbece no, aqua se more
de nu penziere
che t'u ferm'n
e ste' n' cap'

no pe' mme
penz' alle piccinne
ca anna truva' a' manera
de' fa grann'

e imbece camp'n
futtute e sballat'

senz' sape' u' sapore
de' na carezza
ca no l'face fess'

da chi s' tene 'na cuscenz' m'bote
e po' s' nzeml e s' l'asconne
pur' c' ve' a u' cess'

 

1
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 17/05/2014 10:01
    In un vernacolo da me compreso ed apprezzato molto. Bravissimo!
  • Anonimo il 15/05/2014 12:32
    Purtroppo il mondo sta degradando sempre più e la colpa non è da trovar in cielo ma in terra.
  • Anonimo il 15/05/2014 10:07
    Una rabbia condivisa, non foss'altro perché ci stanno prendendo in giro, fingendo di operare per noi e per i giovani, quando sappiamo bene, e i fatti lo confermano, che stanno solo pensando a loro stessi, alle loro tasche, ai loro amici, alle banche a cui sono asserviti, in cambio di fumose promesse la cui contropartita è soltanto l'aumento delle tasse, delle tariffe e lo smantellamento progressivo dello stato sociale.
    Una poesia per svegliare le coscienze. Molto bene Antonio!

5 commenti:

  • Anonimo il 25/05/2014 11:29
    bella in vernacolo... la rabbia scaturisce ancor pi forte bravo anto bacione
  • Anonimo il 15/05/2014 17:07
    Hai ragione ad arrabbiarti... lo siamo tutti!!!
    Penso ai bambini, ai giovani... che futuro avranno?
    Hai fatto bene a pubblicarla. Uno sfogo condiviso.
    Bravo Anto'!
    Bella scritta in dialetto!
  • loretta margherita citarei il 15/05/2014 14:33
    mi associo a salvatore, applaudo, ciao poeta
  • Chira il 15/05/2014 10:28
    In dialetto ci si sfoga meglio, dall'anima escono le parole disperate per quello che vediamo ogni giorno intorno a noi. Un avvilimento totale a volte coglie anche me: ovunque guardi vedi ingiustizie, sopraffazione e davvero tutto sembra più grande di te. Mi sento sperduta in mezzo a tanto egoismo, ruberie, truffe e sfacciate ingiustizie. Grazie Antonio, per i tuoi versi e per avermi permesso di dar voce un po' anche alla mia "rabbia".
    Chiara
  • Antonio Garganese il 15/05/2014 09:07
    TRADUZIONE - QUANDO MI ARRABBIO - Ho voglia di sfogare la rabbia per una nuvola grigia che vedo lassù anche se c'è il sole, con tanti mediocri issati sul piedistallo. Ma cosa dicono? Che faranno spuntare i fiori? metti un segno (sulla scheda) ed io subito ti insegno come fare. D'improvviso faccio uscire il lavoro e tanti soldi per un anno e forse più. Invece no, qua si muore di un pensiero che ti bloccano ma sta in testa. Non per me, penso a tutti i bambini che devono trovare un sistema per crescere, al contrario vivono presi in giro e si sballano senza conoscere il sapore di una carezza che non li prenda in giro (fatta) da chi tiene la coscienza in tasca e poi racimola e nasconde pure nel bagno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0