PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alberto a Lavoro

Quando ero piccoletto... me ricordo,
ascoltavo le storie de mi nonno,
lui... fin da quand'era ragazzino,
s'è dovuto improvvisà contadino.

E così... ara er campo,
sopporta er crampo,
pensando a sopravvive a n' dopoguerra,
che te spreme le cervella.

Mo' la storia è cambiata,
ma la popolazione è confusa e disperata,
e mo'... Alberto cià più de pochi spicci,
ma non glie mancheno l'impicci.

Intrappolati in un benessere,
che ci causa malessere.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Claudio sciarretti il 17/05/2014 17:28
    sono d'accordo con te
  • eurofederico il 17/05/2014 16:15
    proprio vero... era meglio quando si stava peggio! ci vorrebbe un bel ridimensionamento, ma magari che partisse dall'alto!