PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il silenzio e la parola

Il Silenzio approva e diniega
è un tessuto che veste il lontano
guarda dentro e circonda la piega
che nel mezzo attraversa la mano

La parola ti guarda feroce
con un volto che sputa veleno
come un fiume che ha solo la foce
le interessa di rompere il freno

Del Silenzio parola ha paura
e se tace non guarda dentro
se seziona non usa misura
quando urla lo fa per far centro

Il Silenzio del mondo è l'ordito
la parola su e giù come trama
il disegno è così arabescato
con un filo che pare una lama.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 16/06/2014 08:34
    Mi piace il tema di queste quartine: il Silenzio e la Parola viste come ordito e trama. Diciamo che sono la premessa di ogni testo... quanto poi al contenuto di quel testo da tacere o esternare può essere vario. Così la parola non è necessariamente un veleno o un fiume che cerca soltanto la sua foce.

1 commenti:

  • massimo vaj il 16/06/2014 10:57
    Certo, così come non sempre il silenzio è un'astenersi della parola. Gerarchicamente il silenzio precede la parola, sia logicamente che temporalmente, ed è associato alla generosità del Buio primigenio del caos, che si lascia ordinare dalla luce del Verbo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0