accedi   |   crea nuovo account

La poesia della politica

La mia oggi non è considerazione ne di destra, ne di sinistra... È considerazione di logica... C'era una prima repubblica, in cui dominava la corruzione... È stata distrutta ed è venuta fuori una seconda repubblica, peggio della prima... Visti i risultati pratici... Forme nuove, che son peggio delle forme vecchie... Almeno nella prima repubblica c'era un concetto di reato chiaro... Il reato rimaneva sempre reato, pur se era logico cercare qualsiasi forma possibile, per sfuggirlo, raggirarlo, nasconderlo... Obiettivo logico era la ricerca dell'impunità, come obbiettivo primario... Ma nessuno si sognava di far assurgere il reato al ruolo di non reato... Ora dopo che qualcuno... con la complicità di qualche altro... E con la compiacente firma dell'allora Presidente della Repubblica... È riuscito a donare l'aureola del "ben fatto" al reato... Penso che siamo caduti nel baratro più profondo in cui una società civile possa sprofondare... Un piccolo esempio, tra i tanti:Il falso in bilancio è sempre stato considerato un reato gravissimo, da ogni legislatore di ogni repubblica esistente, in ogni tempo del mondo... Un reato, che non sarebbe potuto esser riconosciuto come non reato da nessuna società civile.. Qui da noi c'era uno perennemente sotto processo per vari reati anche di falsi in bilancio delle sue società.. Falsi che hanno recato danni di tutti i tipi... E non starò qui a spiegarli... Orbene costui, con la complicità di coloro.. riuscì a far fare, accettare e far controfirmare dal capo dello stato una legge che cancella tale reato... Con la conseguenza che tutti i processi, che lo vedevano implicato in questo reato chiaro ed ineluttabile... Vengono immediatamente annullati, In quanto il reato non esiste più... Certo l'ultimo processo lo ha fregato... Ma come? Con una visitina settimanale ai vecchietti di una casa di riposo. Sembrava impossibile... Ma nella mente dei suoi sostenitori il suo operato, sembra opera altamente morale e meritoria... Ora non vedo come persone soprattutto della mia generazione, possano essere disposte a trasmettere nel cervello dei propri figli, un'aberrazione del genere... Dire:Figlio mio, si deve campare, senza alcuna morale... Tu devi capire che tutto ciò che la storia ci ha trasmesso, era sbagliato, da questo punto di vista... Falsificare un bilancio, è cosa ben fatta, meritevole, da applaudire... IMPARA... Trovo purtroppo logico per la natura umana, trovare ogni strada per cercare di sfuggire ad una giusta punizione... Trovo assurdo insegnare alle nuove generazioni che ciò che da sempre era condiderato in ogni coscienza, un reato... Apparisse ormai solo come un obiettivo meritorio, da perseguire... Sennò si fesso... Non m'interessa sapere cosa ha fatto di buono e di cattivo questo o quel governo.. non m'interessa sapere se un eventuale governo di centrosinistra farà meglio o peggio... È in ballo una questione che va oltre la stessa politica... So solo che bisogna abbattere chi è riuscito ad inculcare in menti, non so a questo punto quanto sane... Concetti che sembrano spalmati di follia pura.. Anche ai pazzi, più pazzi, da manicomio... Se poi si vuol dire che si è convinti che questo era il giusto... So solo che devo difendere con le maggior forze possibili, l'integrità morale e mentale dei miei figli... Che si abbatta definitivamente chi è riuscito a far pensare parte della società in questo modo... Comè si dovrà abbattere chiunque seguirà, se non verrà cambiata strada... A qualsiasi colore, od ideologia appartenga... E che si dia la giusta e vecchia reale ed inequivocabile dimensione al concetto di reato... Con la conseguente giusta punibilità... Altrimenti meglio rivoluzione ed anarchia...

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/05/2014 12:56
    Aurè, questa poesia della politica manca di ritmo, di figure retoriche, però è piena di figuri puzzolenti e di fantasmi (sono i soldi spariti e finiti chissà dove e chissà a chi).
    C'è solo da vergognarsi d'essere rappresentati da questa classe politica che tartassa e perseguita le persone oneste, magari per un errore formale commesso sul 730 o sul 740 e poi approva raggiri per non punire i veri reati fiscali perpetrati da tutta la casta, nessuno escluso dal più piccolo al più alto in carica, a dimostrazione che non esiste democrazia, ma solo un potere esercitato da tutta la politica, in forma mafiosa.
    E non voglio dire dei soldi e dei benefit che prendono tutti i politici, che per me è un furto legalizzato. Cosa che dovrebbe solo farli vergognare a comparire in pubblico a parlare di risanamento e di povertà, quando loro hanno la pancia strapiena e la gente s'impoverisce ogni giorno di più.
    E vogliamo parlare di tutti i tipi di finanziamenti pubblici? Oppure di come vengono scelti i candidati alle elezioni? Oppure... Ma lasciamo perdere...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0