PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dante: La Divina Inedia

Nel mezzo del camin di nostra vita
ci stava nell'impasto cosa scura
che sol l'idea di farci un solo tiro
ti si strizzava il retro di paura.

Ahi quanto dir cos'era è cosa dura
non sai la qualità né la misura
era erba selvaggia aspra e forte
che nel pensier rinova la paura.

Tant'era forte che poco di più è come morte
ma dopo che ho tirato che trovai?
Dirò tra l'altre cose che v'ho scorte:
giravan gli arabeschi a onde smorte

Io non so ben ridir come v'entrai
tant'ero pien di sonno a quel punto
che la verace via abbandonai
e mai così più forte il disappunto

ma poi che fui un po' folle giunto
la dove ti schizzavano le palle
pensavo che lo sballo si chetava
e invece si piegarono le spalle...

Ammazza che legnata
alfine giunto
che lingua era legata ed io
non ero più compunto

guardai in alto e vidi delle sfere
vestite già dei raggi del pianeta
allor fu la paura un poco cheta
la notte la passai piuttosto pieta

E fui come quei che
affranti e con lena affannata
usciti fuor dal pelago alla riva
si volgono a guardar

fumo che appesta l'aria
mentre li riportava alla deriva
Svuotato il camin di nostra vita
mi riprestai a riempirlo ancora

di un altro impasto che
smozzicai con dita
lo ripigiai all'interno
alla buon'ora...

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 11/06/2014 22:59
    non ti manca nulla per cimentarti appieno nella metrica classica, gli haiku sono il punto di partenza ideale x la loro estrema semplicità
  • massimo vaj il 23/05/2014 11:12
    Io sono un praticone, talmente illetterato da essere detestato persino dalla mia zappa. Pensa che l'essere costretto a dover contare le sillabe di un verso mi ha frenato, almeno fino a oggi, dal cimentarmi nella composizione degli Haiku, che godono del mio rispetto e della mia simpatia.
  • marinella addis il 23/05/2014 10:41
    E'ciò che ha scritto Dante! Quartine con 11 sillabe ogni verso!
  • massimo vaj il 23/05/2014 10:24
    Sapessi cos'è...
  • marinella addis il 23/05/2014 09:06
    divertente... ma avresti dovuto usare lo stesso metro endecasillabo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0