PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al vecchio politico... Pentito

Era solo speranza,
poi fu gran ricordo,
e poi dimenticanza,
infine solo oblio.

Era il tempo fatato
tutto godimento,
giorni stupendi
spazzati via dal vento.

Il compagno sorriso
sepolto in cimitero,
porte chiuse al verde
aperte tutte al nero.

Un'alba lontana,
ingoiata dal tramonto;
una fase malvissuta,
ti presenta il conto.

Non servono i miliardi
ad oggi accumulati,
a saldar le spese
d'amori abbandonati.

La tua pelle è ruvida,
nessuna l'accarezza,
risalta con le rughe
tutta la stanchezza.

Purtroppo, pensasti solo
a rincorrere il successo,
mettesti il chiavistello
ad ogni via d'accesso.

Al tuo cuore ardente,
donasti sordità,
negandogli per sempre
l'ambita sazietà.

Pensier vola lontano,
riportalo all'inizio,
per fargli viver altra vita,
che scansi il precipizio.

E tieni le tue tempie
strette tra le dita,
certo più che mai
d'aver sbagliato vita.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • vincent corbo il 25/05/2014 07:29
    Letta con molto piacere, musica per le orecchie.
  • Auro Lezzi il 24/05/2014 10:30
    Cara Eleonora è dedicata ad un mio amico...
  • eleonora il 24/05/2014 08:51
    ah scusa.. la poesia è bellissima! lo davo per scontato...
  • eleonora il 24/05/2014 08:50
    ma esisterà davvero un politico pentito? mah!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0