accedi   |   crea nuovo account

Caos calmo

quanto rumore in un pensiero
quanta fame ingorda

non scappo più
ti aspetto
in questo caos calmo
apparente

ho corso e rincorso
a passo o di fretta
e ho consumato le scarpe
ho ascoltato il suono sordo dei passi
svanire mille volte
i miei scappavano dal nulla
i tuoi non li sentivo alle spalle

e aspetto
ti aspetto
faccio ordine

metto via le scarpe
e anche i vestiti
ricordi?
li ho usati per le favole
erano perfetti

ma ci hanno banchettato
all'altezza del cuore

un taglio circolare
a misura di mano

hanno mirato
e centrato
estirpandolo via
insieme alla stoffa

aspetto
ti aspetto
mi spiegherai, lo so
com'è successo

mi dirai
di quel tessuto leggero
fuori stagione
troppo logoro

di una taglia sbagliata
di un colore confuso
di un'aderenza di troppo

12

1
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 24/05/2014 10:52
    Mi fin quando durerà questa calma... Sento che sta per scoppià una bomba.
  • roberto caterina il 24/05/2014 10:48
    Anche i sogni sbagliati possono essere corretti e venire in aiuto al pensiero fino a liberarlo dal caos calmo. Talvolta capita...
  • Rocco Michele LETTINI il 24/05/2014 10:03
    quanto rumore in un pensiero
    quanto fame ingorda
    nel rumore sconveniente
    della tua idea

    INIZIO E CHIUSA PER OSSERVARE L'INETTO CHE SI ABBARBICA AL NOSTRO QUOTIDIANO... SERENA GIORNATA GRECA

2 commenti:

  • eurofederico il 24/05/2014 11:23
    bellissima! ci leggo tra le altre cose il riconoscimento dei propri errori e il perdono per quelli dell'altro!... e l'accontentarsi, la voglia finalmente di fermarsi...
  • Vincenzo Capitanucci il 24/05/2014 10:27
    penso... che nella terra di mezzo... pensare sia sconveniente.. ed è facile sbagliare i sogni... nella terrs di mezzo... siamo pensati... siamo sognati.. ancora bisogna capire cosa si in intende per la terra di mezzo.. per me è la terra di nessuno.. un deserto... una terra-ponte tra due mondi...
    ...
    molto bella Greca.. ci hanno banchettato all'altezza del cuore.. e rivestiti.. con un vestito sbagliato.. di fuori stagione.. troppo logoro... e soprattutto troppo logico...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0