PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

GABBIE 1

Avanti e indietro,
Come un felino in gabbia,
Stridono denti,
Frantumano unghie,
Alternano a labbra,
Boccate di fumo
E occhi...
Occhi
Allo specchio di
Fronte…
Chi sei?
Perché mi guardi?
Entra,
O fammi uscire!
Esci,
O fammi entrare!
Rido
A ciò che piange,
Tendo la mano,
Dita asciugano sale..
E labbra con labbra
Sul duro e liscio liquido
Mi respiro…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • laura cuppone il 25/09/2007 19:52
    Vittorio... il mio cuore sobbalza di gioia... sei "comprensivo" nel senso più stretto del termine..
    non t'importa la ragione... ma hai colto nel segno l'atteggiamento... l'attimo...
    grazie L
  • laura cuppone il 24/09/2007 12:22
    grazie.. Roberto.. la tua profondità mi conferma la persona che sei..
    un amico!
    ciao L
  • roberto mestrone il 24/09/2007 12:09
    La colgo come una visione onirica che ha turbato la tua serenità interiore.
    Ho letto il tuo riscontro al commento di Riccardo ed ho compreso il tuo turbamento: non sei sola a rimpiangere il passato; ma godi saziandoti dei grappoli di felicità che ti offre il presente.
    È una risorsa a cui tutti dobbiamo attingere, altrimenti il nostro cuore vive nel tormento.
    Un abbraccio!
    Ro
  • laura cuppone il 22/09/2007 11:00
    lusingatissima... troppo buono...
    scrivo di getto... e quando non lo faccio... perdo di ritmo e passionalità.. e quasto non mi piace...
    bello il tormento anche in posia..
    ciao L
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/09/2007 10:43
    La ricercatezza del lessico, il ritmo del tormento interiore, la ricerca e la voglia di ciò che serve a placare l’emozione è il pregiato tappeto su cui si distendono questi versi.
  • laura cuppone il 21/09/2007 00:29
    non c'è di che...
    grazie a te
    ciao L
  • Riccardo Brumana il 21/09/2007 00:22
    che dire... la poesia introspettiva è sempre soggetta ad diverse interpretazioni... solo l'autore le può scoprire con sicurezza. grazie per la spiegazione.
  • laura cuppone il 21/09/2007 00:16
    la tua interpretazione Riccardo, non è proprio quella giusta..
    la poesia è un Momento... uno dei miei... dove qualche volta il riconoscermi diventa difficile... dove forse non mi riconosco e mi cerco...
    dove allo specchio vedo ancora una bambina che forse ero io ma che ho perso per certe cose...è come se avessi fatto un balzo fulmineo dal passato al presente... e vorrei tanto che lei tornasse...
    scusa la lungaggine...
    ciao L
  • Riccardo Brumana il 20/09/2007 23:31
    vorresti avere ciò che non puoi? ti senti pesce che vorrebbe volre o uccello che vorrebbe nuotare... non desiderare il sogno; hai già ciò di cui hai bisogno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0