PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Con la gran voglia d'essere chi non c'è stata

Corrono le dita, come ali di grazia
su queste labbra usurate
oppure usurpate dal tempo
che è passato in un lampo,
che ancora m'appare
un ingannare l'attesa di morire,
con la voglia di godere
ma lasciamo stare.
In questo azzurro, verde e blu
in cui sei protagonista solo tu.
Mi si accartoccia il sangue
il battito s'accelera
la mano corre avanti indietro
come la pazza dell'autostrada
quella che piangeva lacrime amare
perché non l'aveva mai data
E ora ben conservata
non è utile a nessuno.

Questa nei secoli la storia nostra
Se pensiamo al meglio
Siamo schifate.
Se siamo rispettate
Giura pure
Che siamo annoiate,
affaticate
e con una gran voglia
d'essere chi non s'è stata.

 

3
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 30/05/2014 11:57
    Delle tue poesie mi incuriosiscono sempre le parole, i versi, i piccoli nodi che dall'anima si trasmettono sulla carta. Assonanze, dissonanze... insomma come una danza tribale.
  • Vincenzo Capitanucci il 30/05/2014 11:23
    una grande chiusa... Silvia... dove è rinchiusa la storia della Donna... con una gran voglia
    d'essere chi non s'è stata...

    ...

    ad un certo momento son partito nei Nomadi... lunga e diritta correva la strada... per quella pazza che non l'ha mai data..
  • Rocco Michele LETTINI il 30/05/2014 09:41
    Acuti dall'animo per denunciare l'inetto della quotidianità...
    SERENA GIORNATA SILVIA

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 31/05/2014 13:24
    Grazie Fabio sono contenta ti sia piaciuta. Ieri sera l'ho letta in pubblico questa poesia ed è stato divertente. Ciao
  • Fabio Magris il 30/05/2014 22:38
    Un'analisi del vissuto con, come è logico che sia,... qualche rimpianto, qualche ripensamento (bella l'espressione usata da vincent per i "nodi"... La poesia ha un andamento che va... rallenta e riprende, come succede con i pensieri, con le emozioni... Una poesia al femminile... mi associo all'accostamento con i Nomadi...
  • silvia leuzzi il 30/05/2014 12:37
    Cari carissimi amici di rete che vi siete presi la briga di commentare questi sciatti versi. Grazie le vostre parole sembrano completare, ciascuno con il suo vissuto e la sua anima, la mia poesia. Sono contenta di stuzzicare la curiosità di Vincent e onorata di un accostamento con i nomadi di Vincenzo e dell'analisi di Ugo... grazie davvero e buona domenica a tutti voi
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/05/2014 11:13
    Si ha sempre una gran voglia d'essere chi non si è stati, forse col rimpianto di aver seguito le eccentricità della vita, o forse di aver vissuto senza rimorsi; e anche questo potrebbe tacciarci di superficialità. Il poeta passa a setaccio un vissuto umano e lo fa con la schiettezza che gli si addice e con la solennità che il verso richiede.
  • silvia leuzzi il 30/05/2014 10:22
    Grazie Rocco sempre gentile davvero

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0