accedi   |   crea nuovo account

Ed eri Tu

Ed eri Tu
sempre Tu
ad aprire la porta
al suono della mia voce

forse non era neanche una casa la Tua
ma era la stanza di cui avevo bisogno
per sdraiare
il vagabondare dei miei pensieri

non era necessario un palazzo

bastava un letto un cavalletto un tavolaccio una danza di colori
e un bacio confuso per aprir insieme a Te le finestre d'un viaggio tra le stelle

ed eri Tu
sempre Tu

ad aprirti in sorriso
sul tremar infreddolito del mio viso

forse non eri un angelo
e non lo ero neanche io
ma guardandoci negli occhi
volavamo nelle fievoli pupille del nostro sole

tenendoci per mano
raccoglievamo
foulard di profumi
da una mensola di ricordi

che bastavano per esserci cielo

non vi era notte
né fiumi di borotalco
e nessun sogno d'azzurro poteva rapir d'immenso
e far vacillar il mio passo

quanto il tornar da Te a scaldarmi alla fonte della Tua piccola tremula luce

ed eri Tu
sempre Tu

in fiamma di candela
ad accogliere le pesantezza fredda delle mie ore nel calore della Tua mansarda senza tempo

quando piccole e strette le mie mani
non riuscivano più a scoperchiare quel tetto di stelle

se non nel tremar del Tuo viso e del Tuo petto

sconvolto dalla febbre

e
da un sogno d'alba che per noi languidamente tardava a venire

 

0
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 27/09/2014 12:53
    Immagini stupende, metaforiche di luci e silenzi goduti in un ambito puro, spoglio da fronzoli e belletti. Musicale nella forma dei versi che si alternano brevi e più lunghi per incidere in modo emozionale le parole. Bravo.
  • carlo amodei il 23/06/2014 06:40
    ed eri Tu - sempre Tu: un tu Maiuscolo, di nome pudicamente nascosto, di amore languido, forte, tenero, travolgente. In una stanza che non c'è più, ricordo lontano di una mansarda ad attendere un'alba... - Bellissima!
  • Don Pompeo Mongiello il 03/06/2014 10:14
    Un plauso sincero per questa tua eccelsa davvero!
  • Rocco Michele LETTINI il 01/06/2014 09:16
    sempre Tu
    ad aprirti in sorriso...

    DALLA SERIE QUANDO SI AMA COL CUORE... IL SORRISO CHE APRE ALLA GIOIA E AL CALORE PERENNE... MIRABILE COME SEMPRE VINCE... IL MIO PLAUSO E LA MIA SERENA DOMENICA

6 commenti:

  • eurofederico il 01/06/2014 22:05
    letta e riletta ed ho un ripensamento... tolgo il "quasi" davanti al "meravigliosa" e... rimane solo il MERAVIGLIOSA!
  • loretta margherita citarei il 01/06/2014 20:17
    incantevole mitico cap
  • Ada Piras il 01/06/2014 12:43
    Invece dico che lo è.. meravjgliosa
  • eurofederico il 01/06/2014 11:16
    bellissima, quasi meravigliosa! mi ricorda qualcosa delle atmosfere della canzone di Aznavour LA BOHEME...
  • Anonimo il 01/06/2014 09:05
    raccogliere "foulard di profumida una mensola di ricordi"versi straodinari sempre diversi ma con un comune denominatore l'amore sincero pulito... bella vincenzo
  • Chira il 01/06/2014 08:46
    Sarà che sono fissata con Puccini ma... in questi versi ravvedo Mimì e Rodolfo. Sii paziente con me, Vincenzo... sa comunque di eterno amore sempre in specialissimi versi.
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0