accedi   |   crea nuovo account

Vita coloniale

Appena superata la soglia
di mille biciclette
la città fortificata resisteva
e le giunche portavano la voglia
di vite normali
e di case azzurre e sospese nella nebbia
tra il fumo delle gitanes
e gli occhiali di tartaruga

così la vita coloniale

passata attraverso ingiusti ricordi
ha il sapore di fiumi
che arrivano al mare
e di un libro dove
la lettura si è fermata
tanto tempo fa
e il canto è antico

tra il rosso di un teatro
e i sorrisi di ragazzi
che non si curano
di sedie malandate.

 

0
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 01/06/2014 18:20
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua eccellente davvero!
  • Rocco Michele LETTINI il 01/06/2014 09:25
    La vita coloniale nei nostri ricordi e nella nostra infanzia... non curante nemmeno di qualche passeggero dissenso... Resteranno immortali invece gli schiamazzi di noi "allora bambini"... poveri con tante gioie...
    HAI RISPOLVERATO IL LONTANO ROBERTO CON MAESTRIA... IL MIO PLAUSO E LA MIA SERENA DOMENICA

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 01/06/2014 20:15
    molto intensa, fa riflettere bravo
  • Attanasio D'Agostino il 01/06/2014 15:04
    un poetare che riflette dentro le riflessioni non fatte, mi piace lo scorrere del fiume come le parole d'un libro, un caro saluto e buona domenica Tanà
  • eurofederico il 01/06/2014 09:32
    carina anche se non sono sicuro di averla capita! la vita coloniale intesa come quella nelle colonie estive? ah quanto mi spaventava l'idea... i miei mi dicevano SE NON STAI BRAVO TI MANDIAMO IN COLONIA!... ah se mi ci avessero mandato!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0