PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Repubblica

Ma gli incantesimi
tornano nell'isola delle fate.

Con la ricerca di impossibili
esiste forse una Repubblica
anche se ci si affanna tutto il tempo
intorno a Re e Regine
E ogni cosa ha un limite
nella voce che porta il canto lontano
di giorno
sotto lo sguardo severo del Paradiso

E la fata
ha un suo segreto
colorato di bruno
un castello o uno specchio
dove parla al fanciullo che cresce
lei muta crisalide sa che l'amore
è una risposta sempre cercata
confine esclusivo che non può superare
l'incertezza di una scuola dove ognuno
parla una lingua comune
magica koiné
che trasforma l'acqua in pazienza
e attende meravigliose creazioni
e riccioli bruni e pensieri di gioia.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/06/2014 09:12
    Se la Repubblica fosse il tuo adorabile decanto... ognuno si vestirebbe di gaudio in un camminare soddisfooooooooooooooooo...
    SERENA GIORNATA ROBERTO

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 02/06/2014 19:18
    interessante poesia complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 02/06/2014 08:59
    Koin Koin Koin é .. ne farei un mantra... per trasformare la luce in acqua... e berla in pensieri di gioia..

    ...
    Ottima Roberto... letta in luce di fata.. se vero a-scendo in Paradiso...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0