accedi   |   crea nuovo account

Per te

I

Fui
da un rissoso
pollaio di mare
pescato di notte
dal ramo impuro
di una certa riva
si scorgeva l'altra
assediata per te.

II

Ma quanto
più simile
ai miei occhi
tu dentro lo stormo
cangiavi la veste
e mutata
nel ventre di una poesia
procreasti intuizioni
per tutti i miei pargoli.

III

Sei nato
in una bisaccia
d'un ventre caldo
di luna
mentre si vegliava
impettiti
a fare un cerchio
nei tuoi occhi
rifioriva il geranio
e brontolava la rosa.
Si riempiva il cesto
di voci ammuffite
e il legno si adeguava
alle curvature del sole
poiché sei nato di notte.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/06/2014 09:14
    Libero decanto mirabilmente forgiato... SERENA GIORNATA
  • Vincenzo Capitanucci il 02/06/2014 08:50
    il geranio è il fiore del genio.. sbocciato nel Sole... e brontola soltanto... con voci ammuffite.. e quanti sono... chi non osa...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0