username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ieri

Pur anco ieri
quarcheduno
se n'è ito
all'arberi pizzuti.
La campana
ha fatto annà
i tocchi a morto
e la piazza caciarona
d'un botto s'è chetata.
Li pischelli
attorno alla fontana
han smesso de sonà.
Stateve zitti
arriva er morto.
I turisti che bazzicano
solo pe' fotografà
i mosaici der Cavallini
son sortiti fora.
S. Maria, la chiesa prima,
doveva esse' solo
pe' lei,
la sora Maria.

Ha smesso de penà,
de dimme cento vorte grazzie
e de scusasse
pe' lavoro che me dava.
C'aveva tutti attorno,
er marito amoroso
i fiji e i cuccioletti,
quanno er Signore
l'ha chiamata,
come qua.
Er prete solo
( i chierichetti ar mare?!)
è stato a modo
ner senzo der "poco ma bono".
De la sora Maria
nun se poteva da di'
che bene
e no' perché i morti
addiventano tutti santi.

Alla fine
amichi e nipoti
hanno voluto salutà
co' due parole.
Ho penzato: nun battete le mani
pe' carità,
lei non avrebbe voluto!
macché...
cinque vorte l'hanno fatto.

Le lacrime
devono da esse' silenziose
e le mani giunte.
Arrivederci sora Mari'.

 

2
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 11/06/2014 21:32
    Di grande delicatezza e bellezza...
    Parole scritte da un cuore che conosce il dolore e l'amore...
  • roberto caterina il 04/06/2014 17:13
    molto belle queste rime in vernacolo che seguono pensieri e cerimonia con la delicatezza necessaria per questi istanti.
  • Rocco Michele LETTINI il 03/06/2014 11:57
    L'ultimo applauso... ed è già ieri. Un arrivederci lasciato per salutar Suor Maria in una affettuosa poesia...

4 commenti:

  • denise il 16/07/2014 07:09
    bellissima scelta di parole, è davvero perfetta
  • loretta margherita citarei il 03/06/2014 14:19
    bellissima, disapprovo gli applausi ai funerali, brava, tvb
  • AlfaCentauri il 03/06/2014 14:18
    ...
  • bruno guidotti il 03/06/2014 11:48
    Molto, molto bella, le rime in vernacolo hanno rafforzato il senso della poesia, d'altro de molto evidente, ma l'hanno umanizzata, brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0