PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nuda

Ad un tratto
Sono sola
In questa stanza
Nuda
Immobile
Nell'immagine vuota
di Lei
Nella sua voragine
Si perde la mia poesia
Il senso della melodia
Lei
Mi annienta
Della mia arte
Si fa beffa
E rimango immobile
Nuda
Io e la Follia

 

3
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Floriano Crescitelli il 25/01/2015 19:40
    Momento da vivere per ripartire, sognando una nuova estasi.
  • Anonimo il 03/06/2014 20:13
    Sono momenti del nostro io, profondo, si presenta anche se non ci piace... non è follia ma la conoscenza di sé, ognuno di noi ha la sua propria follia, ma c'è chi è folle senza rendersene conto...
  • Anonimo il 03/06/2014 17:44
    Qualche volta fa bene rimanere da soli con la propria follia e contemplare la propria nudità interiore. Purtroppo, non siamo più abituati a fare i conti con la nostra vera realtà, con noi stessi.
    Forse possono non essere momenti idilliaci, o poeticamente melodiosi, ma certamente sono edificanti, nella misura in cui li affrontiamo nella nostra vera nudità.
    La follia? E cos'è la follia? Forse bisognerebbe solo avere il coraggio d'essere folli, fino in fondo, per riuscire a dare il meglio di noi stessi.

3 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 05/06/2014 09:12
    Mai disperare; Seneca scriveva: non vi fu alcun grande ingegno senza un poco di pazzia. (Nullum magnum ingenium sine mixtura dementiae fuit) e tu puoi fidarti del tuo ingegno.
  • Vincenzo Capitanucci il 03/06/2014 23:53
    Bellissima Teresa.. il poeta beve la sua vita.. in acque bagnate di follia..
  • loretta margherita citarei il 03/06/2014 19:31
    molto originale, piaciutissima