accedi   |   crea nuovo account

A Massimo Troisi

Si pienze ca' so' muorto overamente
Chistu penziero tuoje fallo sparì
Pecchè te staje sbaglianno certamente:
Ca Massimino nun po' maje murì.
Tu nun fa' cunto ca me ne so'gghiuto,
Ca mò me sto assettato m'paraviso:
Haggio fatto a'valigia e so' partuto
Primma e me spennere l'urtemo sorriso.
Addò so' ghiuto? Overo nun o'ssaje?
Me so mettuto l'abito cchiù bell
E viaggianno cu' nu' treno bello assaje
Me no annascuso addureto a chella stella
Addò nun ce stà guerra, né tristezza
Nun ce stanno né invidia, né rancore
Nun esistono povertà e ricchezza
E se campa cu o' palpito do' core.
Tu pienze a me comm'a chill'amico
Ca sta luntano, ma torna sempe a'casa
Pecchè in ogni strada, in ogni vico
Quanno vedrai na cammesella spasa
E nù criature ca te fa e'capricci
Affacciannose a copp'o'mezzanino
Vire a' faccella cu i capille ricci
E dirai oilloco a Massimino.
Pecchè so' stato a' voce e' nà città
Ca a chistu munno nun ce sta cchiù bella
Nù respiro e' freschezza e' nuvità
E o cchiù bello de' Pullecenella

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: