PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Del Male e del Bene

Il Male ha mille volti
e nessuna maschera.
Troppo facile riconoscerlo nei modi.
Il Bene è un essenza invisibile,
anonima e senza forma
che si muove silenziosa.

Il Male è un parassita.
Come l'edera si aggrappa agli alberi più sani,
nutrendosi e privandoli della loro vitalità.
Il Bene è una forza
che si lega a chi è più debole
donando sostegno e vigore.

Il Male è un seduttore e si crede affascinante,
ma è poco abile con quelle sue lusinghe
impregnate d'arroganza.
Il Bene è puro e semplice,
non intende apparire
pur essendo brillante.

Il Male come un pescatore getta la sua esca,
ma troppo visibile è il suo amo
e in quel lago pieno di pesci nessuno più abbocca.
Il Bene come un astronomo
osserva da lontano le proprie stelle
e gioisce nel vederle risplendere.

Il Male è abbandonato,
nessuno è disposto alle sue provocazioni.
Il silenzio è la giusta risposta a vane parole.
Il Bene viaggia solo
sapendo di non essere dimenticato.
Non pretende debito alcuno.

Il Male ha tendenza distruttiva
manifesta rabbia e non conoscenza,
cade a fondo nella superficialità.
Il Bene si innalza.
Il Bene è il Male che ha già toccato il fondo
ed ora, lentamente e umilmente, sta risalendo.

 

5
9 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Marcello Montalto il 27/07/2014 18:03
    Un viaggio unico tra bene e male. il racconto minuzioso, una visione chiara e diretta. Affascinante!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 15/07/2014 11:00
    Una riflessione filosofica, che coinvolse già nel passato i migliori filosofi greci e romani, e non lasciando immune nemmeno la mia modesta persona, espressa in versi eccellenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 05/06/2014 20:28
    Limpidezza nel pensiero e fascino nei versi... non resta che apprezzarla... IL MIO ELOGIO ELEONORA.

9 commenti:

  • Ellebi il 02/07/2014 23:52
    Commento anonimo di Ellebi, nuovi saluti.
  • Anonimo il 02/07/2014 23:48
    Ho apprezzato questi versi e credo di avere inteso quel che vuoi dire di giusto e nobile. Tuttavia io credo che sul "male" sia in gran parte vero il contrario di quello che affermi:
    Il male... Troppo facile riconoscerlo nei modi, il male si riconosce dai risultati non certo dai modi che sono sempre squisiti e più che gentili; è vero il male è un parassita, segreto e misterioso, aggiungo io, e ce se ne accorge quasi sempre quando è troppo tardi; il male è un seduttore non solo affascinante, ma davvero irresistibile, ed è abilissimo con le lusinghe, è mellifluo, quasi mai arrogante, difficilissimo smascherarlo; è facilissimo abboccare all'amo del male, quasi tutti ci cascano e ci sono cascati, il suo amo e ben mimetizzato; le provocazioni del male non sono plateali e volgari, sono astute, di superiore intelligenza; non c'è nulla di meno superficiale del male, e nessuno conosce l'uomo meglio del male. Il male ha il volto di Satana, il Principe della menzogna e dei potentati di questo mondo, ed è un volto bellissimo, il volto di un Angelo, appunto, anche se di un Angelo caduto. Un saluto.
  • Fabio Mancini il 07/06/2014 10:06
    Buona speculazione filosofica esistenziale. Brava, comunque. Ciao, Fabio.
  • Fabio Mancini il 06/06/2014 10:13
    Il male possiede una maschera per ogni volto. Per questo è difficile riconoscerlo al primo sguardo. Esiste poi una certa cultura schierata in favore del Male che tende a celebrarlo rendendolo arguto, geniale, affascinante. Il messaggio è chiaro: il male non è poi così male! Il peccato non è più la violazione della legge morale, ma l'occazione persa, l'opportunità sfumata per accaparrare denaro, successo, piacere. Il messaggio prosegue: coloro che desiderano il Bene sono degli illusi, dei sprovveduti che non hanno il senso pratico della vita. Sono i perdenti! Il male, quindi, va accettato, mentre il Bene viene banalizzato e ironizzato. L'unica arma (dico io) che abbiamo per invertire la rotta intrapresa è la semplicità e la trasparenza, come Papa Francesco sta insegnando al mondo. Fabio.
  • Ugo Mastrogiovanni il 06/06/2014 09:37
    "Del Male e del Bene", più che una poesia è un breve trattato etico-filosofico. L'autore analizza con cura i due opposti e li descrive accuratamente rendendoli chiari anche a chi non è riuscito o non ha voluto comprenderli. Il Male non si maschera si palesa con prepotenza, è un parassita, sa affascinare e sedurre anche se il suo fine e distruggere. Il Bene è invisibile, è la forza dei deboli, agisce di nascosto, osserva e agisce senza nulla chiedere in cambio. E forse anche il bene a volte commette i suoi errori, ma sa riemergere e riprendere la sua missione. Tutto molto eloquente e gradito.
  • Anonimo il 05/06/2014 21:19
    É talmente bella la tua poesia che me la voglio conservare.
    Ottima descrizione del Male e del Bene. Complimenti Eleonora.
  • eleonora il 05/06/2014 20:26
    grazie Salvatore mi fa piacere il tuo apprezzamento. chissà magari a qualcuno verrà in mente di scomporla e sezionarla pezzo a pezzo.. ad ogni modo non disperiamo bene e male passeggiano a braccetto!
  • Anonimo il 05/06/2014 19:50
    Correzione:
    Scusa, ma mi è scappata "e solo" invece di "è solo"!
  • Anonimo il 05/06/2014 19:41
    Se dovessi giudicare dai commenti, dovrei pensare che in questo sito non esiste il bene. Ma preferisco pensare che non l'abbiano letta in molti, forse per distrazione.
    La tua descrizione è lucida, precisa e la tua poesia e solo da leggere ed apprezzare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0