accedi   |   crea nuovo account

Poeta

Il poeta analfabeta che dipinge la sua meta
pennellandone il perché del come e quando
con la rima desueta che ricama con la seta
stando alzato sul suo trono sempre urlando

chiude gli occhi per vedere che la musica di sfere
s'apre come un turbinio che descrivere ora oso
pare un falso nullaosta per marasma di chimere
che vorrebbe risvegliare l'attenzione del curioso

che si pasce del mangiare e di star sullo scontroso
provocando a bella posta discussioni poco chiare
non sapendo quel che costa stare tutto il dì a riposo
a intrecciare quella cesta ch'è riempita del ciarlare

che lo rende un bel poema nel descrivere la pena
estraendone parole che percorron con le suole
la discesa di una vita ch'è in salita e senza lena
penetrandogli stizzita come spina che gli duole

quando dietro a quella porta la sua meta agognava
per entrar nella sua vita diventata troppo smorta
la sua schiena s'incurvava e la mano un po' tremava
concertando rime in panne per un'anima già morta

da poeta analfabeta che ha scordato la sua meta
nel mischiare dei colori che hanno perso i loro umori
spiaccicando le emozioni riducendole acqua cheta
nello scambio che c'è stato con il dentro e ciò ch'è fuori

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • massimo vaj il 10/06/2014 05:07
    È una filastrocca e della rima ha necessità. Lo so che i "poeti" di oggi fanno prosa, e la chiamano poesia a causa delle loro estese limitazioni intellettuali, ma senza rima non c'è divertimento nell'esternare le proprie penose condizioni emotive...
  • Fabio Mancini il 09/06/2014 15:55
    La ricerca affannosa della rima ha fatto sì che il testo risulti un po' freddo e macchinoso. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0