accedi   |   crea nuovo account

La BELLEZZA

Vieni osanna di luce / veste fiammante / disarmante splendore / giovinezza dei cieli eterni / stordente recesso dei cuori / e delle menti / che si prosternano al tuo cospetto / affascinante dominatrice / unica presente / delle divine incognite / la più amabile delle divinità / germe d'ogni dolcezza / e d'ogni lussuria / fantasma della ragione / che spaventi e ravvivi i cuori più ostinati / abbagliante cecità / ma che si abbaglia di te soltanto / umile come la luce che t'inebria / mentre la gloria ti scolpisce in ogni sito / riflesso dei marmi innamorati / scultura immobile / che annienti gli sguardi fissi / di te sagomi anche il pensiero dei saggi / sconfiggi le menti più illuminate / i pensieri saccenti / t'insedi all'ombra del pensiero nascente / insidi le albe adolescenti / ingombri le loro ansie stupefacenti / del più alto e del più urgente / fra i picchi dell'inganno di vivere... / l'incantesimo bugiardo / dell'amore titanico / il sublime che appare infinito / l'eccellenza degli assoluti / la sensazione che ci fa divini / la fusione incandescente / dell'animale Vita con l'animale Passione.

 

0
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/06/2014 14:08
    Una invocazione alla bellezza, espressa con vari tasselli espressivi, atti a rappresentare un quadro completo della tipicità, in cui si articola la stessa, e delle implicazioni che coinvolgono l'uomo per perseguirla.
    Molto apprezzata la forma che, secondo me, mettendo in risalto i diversi caratteri e le svariate caratteristiche, induce il lettore a soffermarsi su ciascun tassello che compongono, poi, il quadro generale dell'opera, senza farne perdere il valore d'insieme.
  • Auro Lezzi il 10/06/2014 06:57
    Qui la bellezza è più sentita, che vista.
  • silvia leuzzi il 09/06/2014 19:20
    Una poesia moderna, affannata, urlata. Come l'arte astratta a volte stanca ma sono le scelte stilistiche molteplici che ha l'artista a sua disposizione. Questa possibilita' nasconde in se' il rischio serio d'apparir scontati. Io penso che l'unico antidoto e' dire qualcosa di vero... poi se e' arte ce lo dira' il tempo. Mi e' molto piaciuta, molto maschia in verita' senza tanti fronzoli. Ciao

5 commenti:

  • Aldo il 12/06/2014 16:58
    Come ciai preso, Auro! Complimentoni. Il tuo? Un microcommento molto attinente al testo. Vero, in un certo senso. Più sentita che vista. Ma dopo che ne hai preso cognizione, ovviamente. Comunque la bellezza, prima va vissuta e soprattutto, vista e metabolizzata, dopodiché te la senti sempre vicina come un'ombra, o addirittura una sensazione tattile. Non sei d'accordo? Chiaro che dopo che l'hai avvertita la prima volta, ti rimane rimescolata nel sangue per sempre.
  • Aldo il 12/06/2014 16:19
    Grazie Salvatore, detto Totò!! Non è un'invocazione, è una vera e propria dedica quasi di ringraziamento all'esteriorità astratta e formale che ti affascina, incanta e ti fa sentire in simbiosi, addirittura con l'Essere Supremo.
  • eleonora il 09/06/2014 18:11
    il contenuto del testo mi è piaciuto molto. condivido la tua visione della bellezza.
  • Anonimo il 09/06/2014 15:40
    Sono d'accordo con Fabio...
  • Fabio Mancini il 09/06/2014 13:50
    La scelta grafica non aiuta la lettura ed i versi sembrano troppo slacciati fra di loro. Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0