PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Maleducata.. io?

Qui lo dico qui lo nego:
dello Stato me ne frego!
Della Chiesa poi non dico
quanta gente appendo al fico.

Son cresciuta da obbediente
or divento irriverente
e ai politici corrotti
dico che ci siamo rotti.

Siete un branco di ladroni
senza neanche più i coglioni:
dignità vi siete persi
perché siete dei perversi.

"Siamo nati per soffrireu
per pregare e per servire"
dice in chiesa quel prelato
dopo che ha ben trombato.

Forse son maleducata
non di certo scostumata,
ché le braghe non abbasso
per restare al vostro passo.

Biechi, luridi, maligni,
Siete ormai come macigni
da gettare dentro il fosso
dopo avervi rotto l'osso!!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 11/06/2014 09:51
    Versi molto simpatici, ma soprattutto veri!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0