PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Spesso i tuoi occhi passati

Spesso i tuoi occhi passati,
e spesso la luce,
ricordo,
prima che il nuovo concetto
recidesse ogni traccia.
Cammina il malessere
sui sentieri del silenzio,
ma è il morso di un sorriso remoto
a sbranare l'anima ignara.
La tua pancia, o vampiro,
si nutrirà,
e sarà gonfia,
per il tuo stesso sangue;
ti ammalerai, o vampiro,
col veleno che iniettavi;
morirai solo,
come gli altri e senza gli altri,
e dilatando le sordide fauci
spirerai pietà nell'alito sporco,
e proprio quando l'occhio rivedrà la luce
inalerai morte dalla vittima impazzita.

 

3
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0