PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vecchie case

un campanile rosa antico,
tetti di pietra tutto intorno.
un cielo azzurro come due occhi azzurri...
e mi perdo nello sguardo di quegli occhi.
grilli che ancora cantano,
una nevicata di foglie
a spasso nel vento.
il rumore dei miei passi;
a terra ricci di castagna
e foglie morte.
ora un ruscello
e la sua fresca voce.
una radura,
baite di un tempo -
non usano parole per parlare -
per loro parlano
le crepe dentro ai muri...
... ecco, dal campanile,
un suono di campane.

 

3
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/06/2014 07:36
    VECCHIE CASE CHE PARLANO DEL NOSTRO PASSATO NEL MOSTRARE LE LORO FERITE... IL LORO ABBANDONO... LE LORO TETRE STANZE... SOLO LE BELTA' DIVINE LE RINCUORANO ANCORA... LODEVOLE VERSEGGIO...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0