PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Oltre l'Altrove

Come me sono in pochi -
al mattino mi alzo senza scopi
una carezza alla pelle trasudando perle -
sfiorando il mio viso incontro il mio riso
di chi non ha cagione se non la religione
del mio senno all'intuizione,
ed il caso all'ispirazione.
Come me sono in pochi -
qui nel buio incontro lupi
dal ventre colmo di interludi
d'inchiostro e rugiada ed oli fiochi
che paion piombar dalla testa ai fogli
come picchi a capofitto
su tronchi di carta e cibo
nutrendosi dal nido dei loro sogni e
d'un contadino, che cura ogni ramo
come fosse il primo, con l'entusiasmo e
la gioia d'un bambino -
io m'increspo in un sereno giardino
d'api e volatili a cui far asilo.
In un mondo di echi di verità ho sentito -
che il senso delle cose è nel cor fanciullino
ch'io cresco senza tempo
abbeverandomi di vino
di virtù e di poesia,
lasciando giù in un tombino
la conta dei dì o del sol canterino -
che luce riflette finché non sia sazio
di chi ha inglobato e in cui farsi spazio.
Noi andiamo oltre l'altrove del vento -
fluttuiamo nell'aria aldilà d'ogni esempio.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 23/06/2014 15:39
    Andare oltre l'altrove del tempo, guidati da un cuore bambino, e come lui puro, apparentemente senza scopo o pretese, e per questo con più possibilità di vedere e trovare le risposte...
    Bella.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0