username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Canto d'uomo

Ogni uomo, nell'incoscienza vitale,
si nutre e si cura tutto d'affanni
e seco li porta, durante gli anni
d'età fiorente, fiorita e fatale.

Talvolta, volge al luogo naturale,
ov'egli ha conosciuto gioie e danni,
continui dubbi, e racconta d'inganni
che hanno pesato il suo tempo mortale.

Giunta poi l'ora d'ultimi respiri,
egli, allor, rimembrando tempi azzurri,
ode Verità: e sa, affinché comprenda

quanto vita d'uomo ad un filo tenda;
l'umano ignora nei suoi sospiri
quanto Natura verità sussurri.

 

1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/10/2014 16:43
    È spesso l'incoscienza che ci induce a soffrire per i falsi orpelli della vita.
    La Natura afferma verità incomprensibili all'umano vagare tra gioie, dubbi e affanni, sicura che prima o poi l'uomo penderà inerte.
    Non voglio apparirti pedante, ma avrei scritto : "quanto vita d'uomo da un filo penda".
    I tuoi versi rivelano la consapevolezza di chi sa di errare e di convertire poi il suo male.
  • Vincenzo Capitanucci il 23/06/2014 12:09
    Un bellissimo sonetto... Crescenzo.. a tramutar i sussurri della Natura in canto d'uomo...
  • Don Pompeo Mongiello il 22/06/2014 17:16
    Nel darti il benvenuto in questo sito plaudo a l'opera tua eccelsa.

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 22/06/2014 08:40
    Un sonetto che sequela il tratturo misterioso de l'umano in diligentio versi...