accedi   |   crea nuovo account

La notti di Natali (La notte di Natale)

Sintìti... campani sunari! Sentite... campane suonare!

stanotti nun dorminu tanti. stanotte non dormono in tanti.

Ricordu... nuttati a 'spittari Ricordo... nottate a aspettare

davanti a dda pagghia vacanti, davanti a quella paglia vacante,

vicinu a la me Marunnuzza, vicino alla mia Madonnuccia,

pittata di biancu e celesti, dipinta di bianco e celeste,

davanti a ddu beddu pirsepiu davanti a quel bel presepe

passavanu tutti li festi! passavano tutte le feste!

Ciaràvamu scorci d'aranci Odoravamo bucce d'arance

arrùstisi nta' lu braceri arrostirsi nel braciere

scinnianu li ciaramiddara scendevano i ciaramellai

cu peddi d'agneddu a li peri... con pelli d'agnello ai piedi...

Ma ora ddu tempu passau, Ma ora quel tempo passò,

e quasi unn'arresta cchiù nenti... e quasi non resta più niente...

Ci vulissi la forza d'un mau... Ci vorrebbe la forza di un mago...

e niatri cca' n'ammulamu li renti! e noi qua ci arrotiamo i denti!



(traduzione per singola parola e non versione)

 

3
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/06/2014 07:35
    ANCHE SE FUORI STAGIONE... UN VERSEGGIO MIRABILMENTE FORGIATO... IL MIO ELOGIO E LA MIA SERENA GIORNATA

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0