PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La notti di Natali (La notte di Natale)

Sintìti... campani sunari! Sentite... campane suonare!

stanotti nun dorminu tanti. stanotte non dormono in tanti.

Ricordu... nuttati a 'spittari Ricordo... nottate a aspettare

davanti a dda pagghia vacanti, davanti a quella paglia vacante,

vicinu a la me Marunnuzza, vicino alla mia Madonnuccia,

pittata di biancu e celesti, dipinta di bianco e celeste,

davanti a ddu beddu pirsepiu davanti a quel bel presepe

passavanu tutti li festi! passavano tutte le feste!

Ciaràvamu scorci d'aranci Odoravamo bucce d'arance

arrùstisi nta' lu braceri arrostirsi nel braciere

scinnianu li ciaramiddara scendevano i ciaramellai

cu peddi d'agneddu a li peri... con pelli d'agnello ai piedi...

Ma ora ddu tempu passau, Ma ora quel tempo passò,

e quasi unn'arresta cchiù nenti... e quasi non resta più niente...

Ci vulissi la forza d'un mau... Ci vorrebbe la forza di un mago...

e niatri cca' n'ammulamu li renti! e noi qua ci arrotiamo i denti!



(traduzione per singola parola e non versione)

 

3
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/06/2014 07:35
    ANCHE SE FUORI STAGIONE... UN VERSEGGIO MIRABILMENTE FORGIATO... IL MIO ELOGIO E LA MIA SERENA GIORNATA

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0